Ue

Castaldo (M5S): altri 3 miliardi a Turchia, schizofrenia europea

Ipocrita chi finanzia Erdogan e si dimentica dell'Africa

Roma, 14 mar. - "Che tempismo! Mentre Erdogan bombarda e accerchia Afrin nel nord della Siria, violando il diritto internazionale, la Commissione europea sblocca la seconda tranche da 3 miliardi di aiuti alla Turchia. L'ipocrita politica europea del doppio forno non produce frutti diplomatici. L'attuale governo turco continua a calpestare impunemente i diritti umani, dentro e fuori il proprio Paese. Siamo molto preoccupati". Così l'europarlamentare del Movimento 5 Stelle Fabio Massimo Castaldo commenta l'erogazione di 3 miliardi di euro alla Turchia comunicato oggi dal Commissario per l'Immigrazione Dimitris Avramopoulos.

"L'accordo sui migranti prevede una ripartizione di 1 miliardo dal budget dell'UE e 2 miliardi direttamente dagli Stati membri. L'Italia contribuisce con 225 milioni prelevati a debito dal bilancio dello Stato. I risultati raggiunti sono risibili e controversi, così come testimonia la Corte dei Conti europea che conferma tutte le preoccupazioni che avevamo espresso in passato: i fondi europei concessi alla Turchia sono stati utilizzati con ritardi, assenza di controlli e di volontà politica. La svolta autoritaria impressa da Erdogan allontana la Turchia dall'Europa. Bruxelles ne prenda finalmente atto", aggiunge Castaldo.

"Denunciamo, infine, l'ipocrisia di chi finanzia allegramente Erdogan ma si dimentica di fare il proprio dovere finanziando il Trust Fund Ue per l'Africa che cerca di combattere le cause profonde delle migrazioni. Manca all'appello ancora 1 miliardo. Soldi che dovrebbero sostenere lo sviluppo e la crescita in Africa, aiutando centinaia di persone. L'unica vera soluzione possibile per evitare che siano costrette a cercare fortuna in Europa, mettendo sotto pressione l'Italia, resta quindi priva di quei fondi, pur insufficienti, già previsti", conclude il parlamentare del Movimento 5 Stelle.