Pd, Lumia: scendiamo dall'Aventino e avviamo gestione collegiale

"Serve netta discontinuità con carattere attuale Pd"

Roma, 14 mar. - "Scendiamo presto dall`Aventino prima di essere costretti a farlo precipitosamente per accordarci a soluzioni che rendono il Pd ancora più marginale o subalterno". Lo spiega Giuseppe Lumia, senatore uscente ed esponente di Fronte Dem, l`area che fa riferimento a Michele Emiliano, in una nota pubblicata sul suo blog.

"Abbiamo bisogno di mettere da parte - spiega - il comprensibile mal di pancia che proviamo nei confronti del M5S. Dobbiamo costringerlo a venire fuori allo scoperto, a dire al Paese quali sono le vere e fattibili proposte su cui si può convergere. L'Aventino non è stata mai una buona soluzione e anche il ritorno alle urne, con questa legge elettorale, non è utile al Paese. È utile solo a Salvini e a Di Maio".

"Mi auguro anche - conclude Lumia - che la gestione del Pd, in tutti i prossimi delicati passi che ci apprestiamo a fare, sia realmente collegiale, come Maurizio Martina si è impegno a fare lunedì scorso in direzione: dalla scelta dei capigruppo alla Camera e al Senato a quella dei presidenti dei due rami del Parlamento, dalla posizione da assumere in vista delle consultazioni al Quirinale alla rotta da dare all'Assemblea nazionale del Pd. Sono questi passaggi decisivi per capire se in Italia vogliamo costruire un popolare e progressista Partito democratico, in netta discontinuità col carattere attuale del Pd".