Piaggio Aerospace

Piaggio Aerospace avvia licenziamenti per 114 lavoratori -2-

Fim, Fiom e Uilm: anche il governo è responsabile

Genova, 13 mar. - "L'azienda -prosegue la nota- sostiene che non esiste lo spacchettamento ma contraddicendosi conferma che i motori sono in vendita ad un azienda italiana della quale anche in questo caso non si conosce l'identità dettagliata ma si sa già che manterrà la sede a Villanova. I lavoratori italiani conoscono migliaia di aziende che cedono e promettono garanzie che restano ovviamente a carico di chi compra".

"L'azienda -si legge ancora nella nota di Fim, Fiom e Uilm- straccia tutti gli accordi sottoscritti a garanzia del ridimensionamento della presenza su Genova, compreso gli impegni ad utilizzare le aree di Sestri Ponente per ricollocare i lavoratori ma quel che è più grave cancella l'impegno sottoscritto nelle sedi governative dell'assenza di esuberi".

Secondo i sindacati, "l'attivazione della procedura è un atto grave che chiama alla corresponsabilità diversi soggetti, primo tra tutti il governo che ha continuato ad elargire milioni di euro a Piaggio senza pretendere in cambio un impegno minimo di garanzia occupazionale senza nessun licenziamento. La Regione, in quanto firmatario dell'accordo ministeriale, non è uno spettatore e la violazione degli accordi sottoscritti -conclude la nota- la coinvolge direttamente".