Trend | Turismo

Lo yacht a vela più grande del mondo del russo Melnichenko al largo dell'isola Palmaria

Si chiama 'A' ed è lo yacht a vela più grande del mondo: 143 metri di lunghezza per 12.600 tonnellate, otto ponti, tre alberi, una pista di atterraggio per l'elicottero, piscina, palestra e pareti in vetro per osservare il mare sotto la sua superficie. In questi giorni solca i mari italiani

PORTO VENERE - Si chiama «A» ed è lo yacht a vela più grande del mondo: 143 metri di lunghezza per 12.600 tonnellate, otto ponti, tre alberi (il più alto raggiunge i 91 metri), una pista di atterraggio per l'elicottero, piscina, palestra e pareti in vetro per osservare il mare sotto la sua superficie. La mega barca progettata da quel genio del design Philippe Starck per il miliardario russo Andrey Melnichenko è stata avvistata al largo dell'isola Palmaria, incantevole isolotto di forma triangolare di appena 1,89 chilometri quadrati di fronte all'altrettanto bellissima Porto Venere (La Spezia), attirando l'attenzione di molti turisti incuriositi dalla sua stazza e dal design avveniristico. Sailing Yacht A vale circa 460 milioni di dollari ed è stata costruita in Germania dai celebri cantieri Nobiskrug e varato lo scorso febbraio.

Prima la Versilia e poi la Liguria
Dopo l'avvistamento nelle acque di fronte a Forte dei Marmi, al Cinquale e poi al largo di Viareggio, ecco che la maestosa imbarcazione è approdata in Liguria, passando anche per Varazze qualche giorno fa. Persino il primo cittadini di Viareggio Giorgio Del Ghingaro l'ha immortalata con uno scatto e su Twitter ha commentato così: "L'arrivo davanti alla nostra costa di uno yacht così grande e particolare è indubbiamente un evento. Evento non usuale negli ultimi anni a casa nostra. Molti hanno immortalato l'avvenimento, ma in questa foto di Karlo Valentini (per me un poeta) non si vede solo la grande nave, ma anche e soprattutto Viareggio, per cui ad evento si aggiunge evento. La novità della barca, la ripartenza della città, la bellezza del punto di vista».

Chi è Andrey Melnichenko
Ma chi è il magnate russo che si può permettere tutto questo? Si chiama Andrey Melnichenko, 45 anni, nato a Gomel in Bielorussia, ma di passaporto russo essendo oggi residente a Mosca, industriale del settore energetico, si è posizionato all’89° posto della classifica degli uomini più ricchi del mondo della rivista americana «Forbes». Il suo patrimonio è stimato in oltre 13,2 miliardi di dollari e lo rende il nono uomo d’affari russo più ricco al mondo.

22 suite, 8 ponti, piscina e osservatorio subacqueo
A" dispone di 22 cabine-suite, otto ponti per lui e i suoi ospiti, seguiti da un equipaggio di 54 persone. Il soffitto della camera da letto padronale è la piscina e gran parte della copertura è in cristallo, il che permette di guardare sempre il cielo. Oltre a un’area per l’atterraggio di elicotteri, al suo interno c’è una sala per l’osservazione subacquea. I motori diesel sono due Mtu da venti cilindri a «V» per una potenza di 3600 Kw. Ma lo yacht è pure dotato di quattro generatori elettrici da 2800 Kw per l’alimentazione dei sistemi di bordo. Niente eliche, la propulsione è garantita da un impianto ibrido diesel-elettrico con idrogetti. Il motore ibrido diesel-elettrico gli consente di viaggiare a una velocità di crociera di 16 nodi con punte di 21. Ogni funzione della barca può essere controllata da un unico schermo touch mentre vetri a prova di bomba e 40 telecamere a circuito chiuso ne garantiscono la sicurezza. Le sue vele sono state tessute negli Stati Uniti e hanno una superficie superiore a quella di un campo di calcio.