Cinema

«E se mi comprassi una sedia?», Falcone sfida Zalone

Nelle sale italiane il film di Pasquale Falcone con Gianni Ferreri. Una commedia che racconta l'Italia delle produzioni cinematografiche «a basso costo», con i suoi sogni e soprattutto i suoi bisogni.

SALERNO - Se Checco Zalone sbanca i botteghini italiani con le sue commedie, ci sarà pure un modo di emulare il suo successo, basta copiarlo. Con questo pretesto i Tavani Brass, due fratelli napoletani, produttori cinematografici squattrinati, propongono a uno sconosciuto cantante partenopeo, tale Chicco Resina, interpretato da Tano Mongelli, di realizzare un film per intercettare la scia del successo del «collega» pugliese.

Una satira sul mondo del cinema italiano.
È la storia di «E se mi comprassi una sedia"? Film prodotto da Nicola D'Auria per Pragma, scritto, diretto e interpretato dal comico salernitano Pasquale Falcone.
«La risposta napoletana a Checco Zalone ovviamente è un plot narrativo - ha spiegato - poi parliamo di altre cose: soprattutto è una satira sul mondo del cinema italiano. Usciamo in 40 sale in tutta Italia e ci abbiamo messo il nostro e più di questo non potevamo fare». Con coraggio, irriverenza e provocazioni, tra ritmi incalzanti e citazioni celebri, pescate dalla storia del teatro e della cinematografia partenopei, da De Filippo a Troisi, la commedia racconta l'Italia delle produzioni cinematografiche «a basso costo", con i suoi sogni e soprattutto i suoi bisogni.

Un cast d'eccezione.
Il cast è d'eccezione. Dopo 32 anni da «Cosi parlò Bellavista» tornano insieme sullo schermo Benedetto Casillo e Sergio Solli. Accanto a Falcone, invece, c'è Gianni Ferreri nel ruolo di Gaetano Tavani, coprotagonista del film. «L'abbiamo montato e rimontato - ha detto Ferreri - ne siamo rimasti convinti e lo proponiamo con grande entusiasmo sperando di trasmettere lo stesso entusiasmo a tutto il pubblico».
Tra gli altri attori: Fabio Massa, Elena Baldi, Ernesto Lama e Salvatore Cantalupo, con un cameo «indiretto» dello stesso Checco Zalone. Le musiche originali sono di Sandro Di Stefano. Nelle sale italiane dall'11 maggio 2017.