Cinema

«Lasciati andare», Servillo torna al cinema con una commedia

Alla regia Francesco Amato; nel cast anche Carla Signoris e Luca Marinelli.

MILANO - Uno psicanalista apatico e fuori forma, una personal trainer piena d'energia e dalla vita complicata. E' l'incontro fra due opposti che dà il via a «Lasciati andare", la commedia italiana nelle sale dal 13 aprile con un cast d'eccezione, a partire da Toni Servillo, per la prima volta al cinema in una commedia a tutto tondo, una svolta cercata.

Il desiderio di cambiare.
«La cercavo per un desiderio di cambiare - ha spiegato alla presentazione del film a Milano - il contrario di quello che dice il mio personaggio all'inizio del film a un suo paziente 'nella vita non si cambia', invece nella vita è molto bello cambiare, cercare le opportunità per cambiare, per crearsi delle difficoltà e delle sfide, non mi era mai successo di fare un personaggio così schiettamente comico al cinema, è arrivata questa occasione e mi è sembrata felice».

Il cast.
La coprotagonista è Veronica Echegui, attrice spagnola al suo primo ruolo in Italia, nel cast ci sono anche Luca Marinelli e Carla Signoris che interpreta l'ex moglie di Servillo, in un personaggio atipico per la commedia italiana.
«Giovanna è un personaggio risolto, di una donna serena, autonoma che ha la sua vita in mano e non è facile vedere un ruolo così, soprattutto nella commedia, spesso è la donna più vecchia lasciata per la donna più giovane, in questo caso non succede, perché nella vita non succede sempre».

Le parole del regista.
Alla regia Francesco Amato, autore di «Ma che ci faccio qui», che in questo film con leggerezza racconta che nella vita si può cambiare e che in fondo bisogna lasciarsi andare anche nei confronti dei pregiudizi sugli altri: «Lo si può fare davvero soltanto lasciandosi andare, perdendo controllo di sè, staccando la spina del narcisismo, aprendosi all'altro e misurandosi con le proprie inadeguatezze», ha detto.

Nelle sale dal 13 aprile.
Il film, prodotto da Cattleya con Rai cinema, sarà proiettato in 250 sale in tutta Italia, compresa una speciale, quella di Amatrice, la prima ricostruita dopo il terremoto, che subito dopo l'inaugurazione aprirà le proiezioni proprio con «Lasciati andare».