22 settembre 2018
Aggiornato 03:30

Casco moto, i consigli per sceglierlo

Per capire quale sia quello più adatto alle proprie esigenze e alle proprie abitudini di guida, bisogna scoprirli uno per uno
Moto da strada
Moto da strada (Shutterstock.com)

Com’è noto, esistono diversi tipi di caschi moto, tutti progettati per un diverso stile di guida o moto usata. Per capire quale sia quello più adatto alle proprie esigenze e alle proprie abitudini di guida, bisogna scoprirli uno per uno. I caschi più utilizzati e conosciuti sono principalmente quattro: il casco integrale, il casco modulare, il casco jet e il casco da motocross. In generale, il casco moto integrale è strutturato per garantire la protezione completa del capo, quindi anche viso e mento sono eventualmente riparati in caso di urto. Il casco jet, il più aperto e quindi, il meno sicuro, è il classico casco da città o da passeggio. Viene utilizzato per brevi passeggiata con il proprio scooter e, specie in estate, risulta molto comodo poiché permette una buona aerazione. Il casco modulare cerca di compensare i due tipi di caschi appena visti, per trovare un buon punto di incontro. Si tratta di un casco apparentemente integrale ma che dà la possibilità di alzare la mentoniera e quindi favorire la ventilazione del volto; questo tipo di casco è apprezzato soprattutto dai motociclisti con diverse abitudini di guida. Infine, il casco da motocross è stato progettato esattamente per coloro che si dilettano con le moto da cross, e sono caratterizzati da un frontino posizionato sulla parte alta della calotta e, quasi sempre, da colori sgargianti e grafiche che non passano inosservate.

La scelta di questo tipo di caschi deve derivare da un’attenta analisi delle proprie abitudini per non ritrovarsi con un oggetto che potrebbe risultare inutile. Per questo motivo, è bene prendere in considerazione diversi fattori, fra cui: moto da utilizzare, lunghezza media dei viaggi, velocità media raggiunta (rispettandone sempre i limiti), periodo dell’anno impiegato, e così via.

Fra questi, quindi, il casco integrale è ritenuto, giustamente, il casco moto più sicuro e riparato. La sua struttura, infatti, è composta da calotta imbottita, visiera e mentoniera non removibile. Nonostante queste caratteristiche, il casco integrale risulta confortevole anche in caso di viaggi lunghi o in estate, al contrario di quanto si dice o si potrebbe pensare. Questo perché ormai tutti i caschi sono progettati per garantire sia la sicurezza che il comfort anche in condizioni potenzialmente avverse.

Il materiale con cui viene fabbricato, infatti, fa in modo che questo tipo di elmetto ripari in sicurezza il capo e lo renda allo stesso tempo leggero. Per questo motivo, infatti, negli ultimi anni è aumentata la produzione e la vendita di caschi integrali realizzati in fibra di carbonio, che ad oggi risultano essere il top di gamma.

Adesso che è tutto più chiaro, non dovrebbe essere difficile scegliere il casco più adatto ai propri. È bene ricordare, infine, che indossare il casco moto, oltre che essere obbligatorio per legge, è importantissimo per la propria sicurezza considerando che le statistiche di anno in anno confermano una elevata percentuale di mortalità causati dalla mancanza di casco in incidenti in moto.