Trend | Brit Awards

Trionfo di Dua Lipa e Stormzy ai Brit Awards

I premi più ambiti vanno ai giovani, mentre fra la band a trionfare sono le icone, pazzesca l'esibizione di Kendrick Lamar sul palco dell'O2 Arena di Londra

Dua Lipa ai Brit Awards 2018
Dua Lipa ai Brit Awards 2018 (ANSA)

LONDRA - Trionfo di DuaLipa e Stormzy ai Brit Awards, i premi assegnati ieri alla London O2 Arena dall'industria discografica inglese, ai due artisti britannici sono andati i riconoscimento per il miglir artista maschile e il migliore al femminile. Stormzy, 24enne rapper londinese, ha battuto concorrenti del calibro di Ed Sheeran e Liam Gallagher. Suo anche l'album dell'anno con «Gang signs and prayer» che ha battuto calibri come quelli di Sheeran oltre a Rag'n'Bone Man, J Hus e Lipa. Dal rapper anche un attacco alla premier britannica: «Theresa May, dove sono finiti i soldi per Grenfell? Credevi che ne fossimo dimenticati?», ha cantato il rapper riferendosi all'incendio della Grenfell Tower in cui la notte 14 giugno 2017 morirono 79 persone, tra cui due giovani italiani Marco Gottardi e Gloria Trevisan.

Al femminile successo di Lipa che si è imposta nelle categorie migliore artista inglese e migliore artista emergente. Il singolo New Rules dell'artista kosovaro-albanese giunta a Londra da teen ager ha superato il miliardo di visualizzazioni su Youtube. Dopo nove tentativi i Gorillaz di Damon Albarn che in questa edizione hanno conquistato il loro primo Brit Award come Miglior band. Anche da Albarn un attacco alla Brexit: «Non permettete a nessuno di isolarci. Non permettete a nessuno di tagliarci fuori. Considerando la nostra grandezza facciamo cose grandiose nella musica. Abbiamo uno spirito e un'anima forti dunque non lasciamo che la politica interferisca anche su questo».

Il premio per il Miglior artista maschile internazionale è andato a Kendrick Lamar per l'album Damn caratterizzato da forti tematiche politiche e sociali. Premio al femminile per Lorde mentre per il miglior gruppo internazionale sono stati prermiati Foo Fighters.