20 agosto 2018
Aggiornato 04:30

Soffri di insonnia? Ecco un piccolo trucco per dormire meglio

Alcuni scienziati suggeriscono un piccolo trucco per dormire meglio e più a lungo. Per farlo occorrono solo cinque minuti
La maggior parte di noi fa fatica a prendere sonno perché ha troppe cose a cui pensare
La maggior parte di noi fa fatica a prendere sonno perché ha troppe cose a cui pensare (Shutterstock.com)

Ci sono persone che riescono ad addormentarsi a tempo record, pochi secondi dopo aver appoggiato la testa sul cuscino. Altre che non riescono a essere avvolte dalle braccia di Morfeo neppure dopo un’ora. In molti casi il problema potrebbe essere causato da una sorta di ansia latente o un’iperattività cerebrale. La maggior parte di noi, infatti, fa fatica a prendere sonno perché ha troppe cose a cui pensare. Si dice infatti, che durante le ore notturne «i fantasmi urlano», ovvero emergono da dentro di noi tutte le emozioni e i pensieri che sono rimasti imprigionati durante il giorno. Ma secondo gli scienziati c’è un piccolo trucco per ritrovare il sonno perduto.

Quanto pensi?
Se non riesci ad addormentarti o se ti svegli con una certa frequenza, forse ti sarai reso conto che i pensieri hanno preso il pieno possesso di te. Fermarli sembra essere quasi impossibile e così ci si concentra su tutto ciò che può aumentare il numero di riflessioni: un litigio con una persona cara, un imprevisto sul lavoro, problemi economici o di salute. Questo accade perché quando il corpo è fermo generalmente ha una maggior probabilità di attivare la mente. Non è un caso se praticare sport aiuti ad alleviare lo stress. Inoltre, è molto probabile che con il buio aumentino i pensieri negativi, a tal punto che quando ci alziamo la mattina ci sembra che tutto ciò che fino a poco tempo prima ci sembrava un problema, in realtà non lo è affatto.

Prendi un foglio e scrivi
Secondo uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Experimental Psychology, chi soffre di insonnia patisce di una forma di ansia più o meno conclamata. Per questo motivo alcuni scienziati hanno cercato di aiutare i soggetti che facevano fatica ad addormentarsi proponendo loro una sorta di gioco. Per farlo anche tu devi munirti di un foglio, una penna e di 5 minuti di tempo libero.

L’esperimento
Durante l’esperimento i ricercatori hanno chiesto a 56 giovani adulti sani - di età compresa fra i 18 e i 35 anni - di scrivere su un foglio tutto ciò che destava loro preoccupazione. Poteva essere ciò che era accaduto durante la giornata, una preoccupazione sul lavoro, che riguardava la famiglia o ciò che più li spaventava da sempre. Alcune persone dovevano anche scrivere tutti i compiti che avrebbero dovuto svolgere in un prossimo futuro. Mentre altri dovevano fare l’opposto: riportare su un foglio tutto ciò che avevano fatto durante la giornata. Tutti i soggetti hanno partecipato a un laboratorio di sonno controllato.

I risultati
Dai risultati è emerso che le persone che avevano scritto nero su bianco tutto ciò che avrebbero dovuto fare in un prossimo futuro sono riusciti ad addormentarsi molto più velocemente. Spesso, infatti, sono proprio i lavori incompleti a disturbare il nostro sonno. In questo caso, invece, i partecipanti hanno affidato a un foglio di carta l’arduo compito di ricordare. In tal modo la loro mente era più leggera e potevano dormire meglio. Quindi per migliorare il sonno è importante prima svuotare il cervello trasferendo il nostro fardello di impegni, paure e problemi su un semplice foglio di carta.