Ricordini, ecco gli oggetti più rubati nei ristoranti italiani

Non solo gli italiani sono soliti portarsi via qualche ‘ricordino’ dagli hotel in cui soggiornano, ma a quanto pare lo fanno anche nei ristoranti in cui vanno a mangiare. Ecco l’elenco degli oggetti più rubati

Molti rubano oggetti dai ristoranti
Molti rubano oggetti dai ristoranti (Leonardo Izar | shutterstock.com)

Asciugamani, accappatoi, pantofole per arrivare perfino a rubare televisori, comodini, specchi… un elenco infinito – e spesso incredibile – dei furti che gli italiani compiono negli hotel in cui soggiornano. Ma se questo è un ‘dato di fatto’ ormai accertato, che dire dei furti che invece avvengono nei ristoranti? Eh sì, a quanto pare certi nostri connazionali non si pongono il problema neanche in questi casi.

Mi piace, me lo porto via
Una delle motivazioni che potrebbe esserci dietro ai furti nei locali pubblici potrebbe essere il piacere di possedere un oggetto che, appunto, piace e non si possiede. Ma è sempre così? No, perché a giudicare dall’elenco degli oggetti più rubati nei ristoranti, il dubbio che sia così è più che lecito.

Gli oggetti rubati
Forse i bagni degli italiani sono sguarniti visto che uno tra gli oggetti più rubati sono i portasaponi. A favore il loro furto potrebbe essere la posizione nascosta e anche perché in certi ristoranti se ne trovano di particolari e, per alcuni, evidentemente ‘allettanti’. E che dire di coloro che si portano via i rotoli di carta igienica? Sì, succede anche questo.
Un classico del furto sono le stoviglie: si parte dalle posate per arrivare anche ai porta sale e pepe, i tovaglioli e perfino i bicchieri e le tazzine. Tra gli oggetti più rubati un tempo, ma che oggi non lo sono più per ‘motivi di legge’ erano i portacenere: era facile nelle case degli italiani trovare il portacenere di un qualche albergo, ristorante o bar ‘famoso’ – almeno per chi ci era stato.

Quando conta il nome
Albergatori e ristoratori hanno notato che spesso a spingere al furto i clienti è il nome. Se per esempio si tratta di un hotel o un ristorante famoso (con tanto di Chef altrettanto famoso), i clienti sono più propensi a portarsi a casa il ricordino, magari da mostrare agli amici per farsi vanto di ‘essere stati lì’. Ecco perché in molti hanno deciso di non mettere più il proprio nome su tovaglioli, posate e così via.