17 dicembre 2018
Aggiornato 09:00

Laura Renna e la sua costante ricerca

Laura è un'artista che ama utilizzare e conoscere diversi materiali, studiarli e ricomporli come meglio crede per dare forma a sculture e installazioni che lasciano senza fiato.

Laura Renna Paesaggio 2010 Muffa su muro Galleria Neon campobase
Laura Renna Paesaggio 2010 Muffa su muro Galleria Neon campobase ()

Conosco il tuo bellissimo lavoro, interessante e particolare. Utilizzi materiali diversi che ti hanno sicuramente portata ad una ricerca molto approfondita, poi essendo il tuo un lavoro anche concettuale, sarebbe bello capire cosa vuoi raccontare. Mi spieghi un po' tutto dall'inizio?
Dopo il Liceo Artistico mi sono trasferita a Bologna e ho frequentato l'Accademia di Belle Arti, dal '92 al 2004 ho avuto una bella esperienza lavorativa che mi ha avvicinata al design. Nel 2004 ho sentito l'esigenza forte di tornare ad occuparmi di arte e l'ho fatto, l'anno successivo come finalista del Premio Fondazione Arnaldo Pomodoro e vincitrice del Premio Speciale ho esposto un mio lavoro nella bellissima sede della Fondazione a Milano. Questa è stata la mia prima esperienza espositiva.

Laura Renna Paesaggio 2010 Muffa su muro Galleria Neon campobase
Laura Renna Paesaggio 2010 Muffa su muro Galleria Neon campobase ()

Una bella esperienza che forse ti ha definitivamente convinta ad occuparti e dedicarti completamente all'arte e alle tue ricerche. Mi racconti su cosa si basa il tuo lavoro?
La mia ricerca nasce da alcuni miei interessi, uno di questi è senz'altro quello per le tecniche di produzione, mi piace capire come sono fatte le cose, parlando di tecniche di produzione mi riferisco sia a quelle artigianali che a quelle industriali. Anche tecniche provenienti da altri campi come la botanica o la biologia.

Mi sembra tu abbia fatto anche un'installazione alla Galleria Civica di Modena «Moquette» dove hai utilizzato un prato, giusto?
Si, in quel caso ho utilizzato un prato, ma gli elementi che ho trattato sono tanti, le muffe, la lana di pecora proveniente da materassi vecchi, l'acciaio inossidabile e ultimamente la fotografia.

Renna Laura Moquette 2007 prato Galleria Civica di Modena
Renna Laura Moquette 2007 prato Galleria Civica di Modena ()

Scatti tu le immagini oppure prendi fotografie già esistenti per creare le tue opere?
Vado sul posto a fotografare, faccio centinaia di scatti poi in studio, in fase di post-produzione, intervengo sui colori per ottenere un effetto pittorico sulla scultura definitiva. Ma non è sempre così, in un altro lavoro ho usato anche fotografie vintage, cartoline e illustrazioni.

Le stampe le utilizzi per creare una scultura ? Per te è un materiale come un altro?
Si, stampo le fotografie, poi intervengo manualmente ritagliandole, per me diventa un materiale.

Laura Renna Vetta 2014 Stampe fotografiche filo dorato spilli da sarto legno di abete
Laura Renna Vetta 2014 Stampe fotografiche filo dorato spilli da sarto legno di abete ()

La scelta di fare tu gli scatti è per poter controllare tutto fin nei minimi particolari?
Il fare aggiunge senso al mio lavoro e mi fa vivere l'esperienza fino in fondo.

Vista la tua continua e costante ricerca di materiali, su cosa stai lavorando attualmente?
In questo momento sto lavorando con un materiale nuovo per me che è il rame, sto producendo nuove sculture per future mostre che si stanno concretizzando proprio in questi giorni e verranno fatte all'inizio del 2015.

Cosa cerchi di comunicare attraverso il tuo lavoro?
Ogni progetto è diverso dal precedente, di volta in volta cambiano le tecniche, i materiali, i significati e la libertà con cui affronto i vari progetti rende difficile delineare una direzione unica, i materiali stessi suggeriscono una lettura ma cerco di lasciare comunque un’apertura interpretativa creando a volte associazioni destabilizzanti tra materiale, tecnica e forma. L’istinto mi suggerisce certe scelte e la mia mente passa il resto del tempo a cercare il senso. Il dubbio che caratterizza il mio lavoro costringe chi lo guarda a fermarsi.

Laura Renna Helianthus 2011 Lana di acciaio inox
Laura Renna Helianthus 2011 Lana di acciaio inox ()

Grazie Laura, io chiudo sempre con il chiedere se c'è un oggetto, un elemento o un personaggio come ad esempio un quadro, una scultura, una fotografia o una qualunque opera d'arte, oppure un disco, una canzone, un libro, una poesia o un artista che non ti abbandona mai e che porti da sempre e per sempre nel tuo cuore. Esiste qualcosa del genere nella tua vita di artista ? Se fossi l'ultimo abitante della terra cosa terresti con te ? Un' opera da contemplare, un libro da leggere, una canzone da ascoltare o un personaggio con cui chiacchierare?
Sarebbero tantissime le cose da portare, ma se devo essere sincera non mi porterei dietro niente, vorrei iniziare la nuova avventura più leggera possibile.

Bello, significa che non sei troppo attaccata alle cose materiali!
Pensandoci bene, fossi l'ultima abitante della terra la mia preoccupazione sarebbe quella di sopravvivere e mi porterei dei semi da coltivare.