26 maggio 2024
Aggiornato 14:30
Mezzi pubblici

Fermata del tram pericolosa in corso Vinzaglio, i pedoni rischiano grosso: «La spostiamo»

L’assessore ai Trasporti, Maria Lapietra, ha affermato che la volontà dell’amministrazione comunale è quella di spostare la fermata da corso Vinzaglio a corso Duca degli Abruzzi

TORINO - La fermata è pericolosa e lontana dalla stazione della metropolitana, quindi sarà spostata nonostante costi alle casse comunali 50mila euro. Questa è quello che succederà nelle prossime settimane in corso Vinzaglio, dove l’omonima fermata, collocata subito dopo l’incrocio con corso Vittorio Emanuele II, mette ogni giorno in pericolo i passeggeri che, scendendo dal tram 10, devono prendere la metropolitana e attraversano la carreggiata senza utilizzare le strisce pedonali distanti da dove si ferma il mezzo pubblico. Per ovviare a questo problema l’amministrazione ha deciso di spostare la fermata prima dell’incrocio, precisamente in corso Duca degli Abruzzi.

L’assessore: «Non ci sono altre soluzioni»
«Non abbiamo mai avuto lamentele in merito», conferma l’assessore ai Trasporti Maria Lapietra, «ma io ho fatto per anni la pendolare in quel tratto e so bene quali siano i problemi e si deve intervenire. Quella fermata oggettivamente intercetta un fiume di persone tra cui tanti studenti e sono in tantissimi a non rispettare le regole e attraversare al di fuori delle strisce pedonali». Tra le ipotesi per superare il problema è stato scelto lo spostamento della fermata «Vinzaglio» in corso Duca degli Abruzzi, cioè prima dell’incrocio con corso Vittorio Emanuele II. «Per questa amministrazione comunale le fermate dovrebbero sempre essere dopo un incrocio, ma in questo caso non si può fare altrimenti», spiega l’assessore aggiungendo che altre soluzioni non sarebbero percorribili. «Mettere un attraversamento pedonale subito dopo la fermata attuale? Ci avevamo pensato, ma non si può per legge».

Il costo dell’intervento è di 50mila euro
Spostare una fermata di un mezzo pubblico a Torino costa tanto, ben 50mila euro. E la fermata «Vinzaglio» non fa eccezione. «Il costo lo abbiamo già messo in conto», evidenzia l’assessore Lapietra dicendo che si provvederà quanto prima all’operazione.