16 novembre 2018
Aggiornato 20:30

Milan: ecco l’offerta per Milinkovic-Savic

Il centrocampista serbo della Lazio resta il grande sogno dei rossoneri. Il tempo stringe, ma Leonardo ci prova
Sergej Milinkovic-Savic, centrocampista serbo della Lazio
Sergej Milinkovic-Savic, centrocampista serbo della Lazio (ANSA)

MILANO - Non ci sono smentite, silenzi o depistaggi che tengano: Sergej Milinkovic-Savic è il sogno per nulla nascosto del Milan che vuol far di tutto pur di portarlo a Milanello entro venerdì sera e regalare a Gennaro Gattuso un altro pezzo da novanta dopo l’arrivo di Gonzalo Higuain dalla Juventus. Ma strappare il centrocampista serbo alla Lazio non è semplice, non ci sono riusciti né il Real Madrid, né il Manchester United e nemmeno la Juventus, perché Claudio Lotito chiede 120 milioni di euro e non sembra intenzionato a scendere a compromessi, anche perché non ha esigenze o obblighi di cedere il calciatore, per cui o arriva l’offerta indecente oppure Milinkovic resta a Roma. C’è questo patto col giocatore slavo, motivo per il quale entrambe le parti si sentono decisamente tutelate e sicure, sta ai club interessati sfoderare le proposte importanti alla Lazio.

Ultimi tentativi
Ma il Milan vuole provarci, non vuole lasciare nulla di intentato. Leonardo sta pressando la Lazio da settimane e sta dando fondo ad ogni risorsa per trovare la formula giusta che convinca Lotito e che allo stesso tempo rispetti i paletti imposti dal Fair Play Finanziario. Il direttore tecnico rossonero ha pronta l’offerta da sferrare al club capitolino negli ultimissimi giorni di mercato: 95 milioni di euro in contanti, più il cartellino di un paio di giocatori della rosa milanista (Montolivo e Borini, oppure quest’ultimo e Zapata), per un totale che andrebbe anche a sforare i 120 milioni richiesti dal presidente biancoceleste che, smentite di rito a parte, valuta eccome la proposta del Milan, anche perché la soluzione rossonera sarebbe anche gradita allo stesso Milinkovic. E’ dura, molto, per Leonardo convincere la Lazio e per di più negli ultimi 3-4 giorni di calciomercato, ma la sensazione è che il brasiliano non si arrenderà se non sul gong finale che suonerà venerdì sera.