Sport | Calciomercato

Raiola: la trattativa per portare Bonaventura via dal Milan

Il manager italo-olandese non ha mai nascosto la propria antipatia per il nuovo ds rossonero e così, dopo Donnarumma, pare intenzionato a portare via dal Milan anche Jack Bonaventura.

Il centrocampista rossonero Jack Bonaventura
Il centrocampista rossonero Jack Bonaventura (ANSA)

MILANO - La storia tra Mino Raiola e Massimiliano Mirabelli rischia di diventare materiale buono per un sequel del capolavoro di Ridley Scott «I duellanti», la storia di due ufficiali napoleonici che per futili motivi ingaggiano una guerra privata senza soluzione di colpi destinata a protrarsi nel tempo. Abbiamo sottolineato la questione del duello personale perchè l’antipatia tra i due protagonisti della nostra storia, iniziata la scorsa estate al clou della delicatissima trattativa per il rinnovo di Gianluigi Donnarumma, malgrado il carattere privato rischia di andare a toccare i sentimenti e gli interessi di tante altre persone: innanzitutto gli assistiti di Mino Raiola che giocano nel Milan di Mirabelli e poi naturalmente i tifosi rossoneri, inevitabilmente coinvolti nelle questioni di mercato della propria squadra del cuore.

Da amico a nemico
Sono mesi che aggiorniamo quasi quotidianamente il fixing relativo alla possibile partenza/permanenza di Gigio a Milanello, con alti e bassi strettamente legati alle esternazioni dei duellanti o alle prestazioni in chiaroscuro del giovanissimo fenomeno di Castellammare di Stabia. Da oggi possiamo aggiungere alle chiacchiere di mercato quelle relative ad un altro pezzo forte della scuderia di Raiola, Giacomo Bonaventura. Interrotto qualche tempo fa il rapporto con lo storico procuratore Giocondo Martorelli (all’epoca si insinuò che dietro tutta la faccenda ci fosse la longa manus di Adriano Galliani), il centrocampista marchigiano ha deciso di legarsi allo scafato agente italo-olandese, storico amico dell’ex ad milanista. Peccato che di lì a poco si è registrato il ribaltone in via Aldo Rossi, con l’insediamento cinese e quindi di Fassone e Mirabelli. È stato un attimo che Raiola, da amico del Milan è diventato uno dei più acerrimi contestatori del club rossonero.

La Roma interessata
Secondo quanto riportano le cronache recenti, tra le tante trattative messe in piedi dall’ingombrante procuratore di Nocera Inferiore, ce ne sarebbe una fresca fresca che avrebbe come oggetto proprio Bonaventura e come interlocutore Ramón Rodríguez Verdejo, detto Monchi, direttore sportivo della Roma. Il dirigente giallorosso, stimolato al confronto da Raiola, avrebbe manifestato il proprio interesse per il numero 5 rossonero, anche se al momento una trattativa con il Milan non è stata neppure abbozzata. Jack ha un contratto in scadenza con il club di via Aldo Rossi a giugno 2020 quindi, in caso di ipotetica cessione, occorre il totale gradimento di Fassone e Mirabelli, oltre che naturalmente di mister Gattuso. È fuor di dubbio che, in caso di partenza anche di Donnarumma, cedere Bonaventura vorrebbe liberarsi definitivamente di un personaggio scomodo come Mino Raiola (tra gli assistiti dell’italo-olandese c’è anche Abate, ma pure il terzino sembra vicino ai saluti finali), ma da un punto di vista tecnico e tattico il gioco varrebbe la candela? Malgrado il momento non certo brillante del centrocampista rossonero ci resta qualche dubbio. L’ultima parola comunque spetta al Milan e solo al Milan, almeno su questo siamo tutti d’accordo, anche Mino Raiola.