19 novembre 2018
Aggiornato 16:30

Milan: due ipotesi per rimpiazzare Kessie contro la Sampdoria

Gattuso sta vagliando varie soluzioni per ridisegnare il centrocampo rossonero, orfano domenica prossima dell'ivoriano
Franck Kessie, prima stagione al Milan
Franck Kessie, prima stagione al Milan (ANSA)

MILANO - Con l'andata dei sedicesimi di finale della Coppa Uefa in Bulgaria con il Ludogorets ormai alle porte (giovedì, inizio ore 19), Gennaro Gattuso è concentrato sulla preparazione della gara europea in una competizione giunta alla fase ad eliminazione diretta nella quale commettere errori può risultare fatale. Eppure, l'allenatore del Milan deve obbligatoriamente iniziare a preparare l'importantissima sfida di domenica sera in campionato quando a San Siro arriverà la Sampdoria di Giampaolo che precede i rossoneri di 3 punti in classifica; un ostacolo duro e complicato, ma che il Milan dovrà cercare di battere per non compromettere la corsa europea.

Dubbio

A complicare i piani di Gattuso ci si mette la squalifica di Franck Kessie, squalificato per Milan-Sampdoria dopo la somma di cartellini gialli ottenuti fin qui. Sostituire il centrocampista ivoriano non sarà per niente semplice, intanto perchè l'allenatore milanista ha trovato il suo centrocampo ideale (Kessie, Biglia, Bonaventura) che sta fornendo risultati eccellenti dopo una prima fase di rodaggio, e poi perchè l'ex atalantino è forse l'unico calciatore dell'organico a disposizione del tecnico calabrese a non avere un reale alter ego. Per rimpiazzare Kessie domenica sera, Gattuso ha due soluzioni in mente e forse una terza in cantiere, un po' rischiosa ma stuzzicante: il favorito per prendere il posto dell'africano è Manuel Locatelli, centrocampista dinamico con corsa e fisico, bravo a ricoprire ogni ruolo della linea mediana; in alternativa ecco Riccardo Montolivo, utile per tutte le occasioni e mai negativo in questa stagione nelle circostanze in cui è stato chiamato in causa.

Idea stravagante

Infine, la possibile sorpresa di vedere nei tre di centrocampo Hakan Calhanoglu, con conseguente spostamento di Borini nel tridente d'attacco; difficile ed ardita, ma quest'ultima ipotesi intriga Gattuso, anche se probabilmente il tecnico del Milan andrà sull'usato sicuro per contrapporre la sua squadra alla solida e tosta Sampdoria, primo ostacolo di una serie di sfide in campionato che potrebbero fornire risposte importantissime nella corsa all'Europa per la formazione milanista.