19 ottobre 2018
Aggiornato 11:30

Deulofeu vuole ancora il Milan, ma…

Secondo indiscrezioni di radio mercato la prima scelta dello spagnolo sarebbe proprio tornare ad indossare il rossonero, ma la dirigenza del Milan ha detto no.
Deulofeu sarebbe pronto a rispondere alla chiamata del Milan
Deulofeu sarebbe pronto a rispondere alla chiamata del Milan (ANSA)

MILANO - «Certi amori non finiscono, fanno giri immensi e poi ritornano», cantava un ammiccante Adriano Galliani parlando del possibile nuovo approdo a Milanello di Ricardo Izecson dos Santos Leite, meglio noto come Kakà. Oggi, a distanza di qualche anno, non c’è più il vecchio amministratore delegato e la musica è cambiata. Ed infatti per i i tifosi rossoneri oggi non esiste alcuna speranza di poter tornare ad intonare le note di Antonello Venditti, parlando di Gerard Deulofeu, talento spagnolo apprezzato nella seconda parte della scorsa stagione e già troppo rimpianto nella prima parte di quella in corso.

Mercato chiuso
Purtroppo per i fans milanisti, le porte di Casa Milan resteranno chiuse alle discrete sollecitazioni del catalano, messo sul mercato dal bulimico Barcellona che ha appena speso 160 milioni per il brasiliano Coutinho. Costretto a trovare un nuovo club dove potersi giocare le residue speranze di strappare un biglietto per Mosca 2018, Geri dovrà guardare altrove. 
Eppure, secondo quanto riportato dall’esperto di mercato di Sky Sport Gianluca Di Marzio, in cima alla lista dei desideri di Gerard Deulofeu c’era proprio il Milan, ma Fassone e Mirabelli hanno immediatamente stoppato ogni possibile suggestione di ritorno chiudendo virtualmente il mercato in entrata del club rossonero. 

Profilo ideale
Eppure un attaccante esterno, ora che Gattuso è tornato ad un più rassicurante 4-3-3, sarebbe quasi indispensabile al Milan. Considerato l'altro spagnolo Suso il titolare inamovibile della fascia destra, per quella sinistra continuano ad alternarsi senza soluzione di continuità - e senza aver soddisfatto pienamente il nuovo allenatore rossonero - sia Bonaventura che Borini e Calhanoglu. Ovvio che un profilo come quello di Deulofeu sarebbe prezioso per restituire alla manovra milanista velocità, imprevedibilità, forza fisica e un discreto numero di assist e gol, ma la richiesta del Barcellona, 20 milioni cash a titolo definitivo,  non lascia margini alla trattativa e ha messo definitivamente la pietra tombale su questa trattativa neppure in fase embrionale.