Calcio | Nazionale

Mirabelli in Portogallo: missione allenatore

Svelato il motivo del blitz di Mirabelli a Lisbona: secondo il quotidiano svizzero Blick, il ds rossonero avrebbe incontrato il commissario tecnico elvetico Vladimir Petković, gią sulla panchina della Lazio prima della sua avventura da ct. Un’indiscrezione che confermerebbe la posizione precaria di Montella in caso di insuccesso nel derby.

Il ct della Svizzera Vladimir Petković
Il ct della Svizzera Vladimir Petković (ANSA)

MILANO - Se Montella dovesse uscire sconfitto nel derby contro l’Inter la sua posizione sulla panchina del Milan sarebbe pericolosamente in bilico. È questo il mantra ricorrente delle ultime settimane a Milanello e dintorni. Quanto poi questa teoria sia vera è tutto da confermare. Marco Fassone, dopo aver sparato a zero sul tecnico rossonero dopo la vergognosa sconfitta di Genova contro la Samp, si è affannato a confermare la propria fiducia a Montella, giustificando le improvvise battute d’arresto registrate finora come incidenti di percorso dovuti al profondo rinnovamento di squadra e società. Ma evidentemente qualcosa bolle in pentola per davvero se quanto riportato dalla stampa svizzera dovesse trovare conferme.

Ex tecnico della Lazio
Secondo l’autorevole quotidiano elvetico Blick (secondo giornale più venduto in Svizzera), l’annunciato blitz di Massimiliano Mirabelli in Portogallo, ufficialmente spiegato con l’esigenza di andare a «riprendere» i due rossoneri impegnati nella sfida Andrè Silva e Ricardo Rodriguez, avrebbe avuto un’appendice a sorpresa. Pare che il direttore dell’area tecnica rossonera, infatti, avrebbe approfittato del viaggio a Lisbona per incontrare Vladimir Petković, attuale ct della Svizzera, ben noto alle platee italiane per aver allenato la Lazio dal 2012 al 2014. Probabilmente per un primo contatto a quattr’occhi con un argomento principale: la panchina del Milan.

Ipotesi improbabile
Una suggestione discretamente fantasiosa e francamente di difficile praticabilità, se non altro perchè la Svizzera, sconfitta dal Portogallo nello scontro clou per l’accesso diretto al Mondiale di Russia 2018, adesso è chiamata al delicatissimo playoff di novembre. Certo, se la squadra di Ricardo Rodriguez e compagni dovesse incappare in una malaugurata eliminazione, malgrado un contratto con la federazione elvetica in essere fino al 2019, Petković potrebbe rimettere il mandato e tentare una nuova avventura. Ma la domanda è un’altra: può davvero essere lui il tecnico del Milan per un futuro vincente?