21 febbraio 2019
Aggiornato 22:30

Florenzi chiede aiuto ai tifosi: «Vinciamo insieme»

Consapevole del momento delicato della Roma, l’esterno giallorosso chiama a raccolta il popolo giallorosso: «Stateci dietro perché vogliamo regalarvi un trofeo». Allenamento a ranghi compatti a Trigoria, intanto Sabatini è a Londra per chiudere l’affare Salah.

ROMA - Non è certo un momento positivo questo per la Roma, probabilmente uno dei più difficili degli ultimi diciotto mesi, da quando Rudi Garcia è alla guida della compagine giallorossa, e i primi a rendersene conto sono proprio i calciatori. I due pareggi consecutivi in campionato hanno contribuito ad aumentare il distacco dalla Juventus, cinque punti che adesso sembrano una montagna difficile da scalare, e anche la vittoria ai supplementari contro l’Empoli in Coppa Italia, anziché portare un po’ di entusiasmo e di euforia a Trigoria ha lasciato in dote solo la sgradevole sensazione di aver smarrito brillantezza ed efficacia offensiva.

FLORENZI: NON MOLLIAMO NIENTE - In questi casi non ci sono molte soluzioni: l’unica cosa da fare è abbassare la testa sul campo, lavorare fino allo sfinimento e cercare di ritrovare gli equilibri persi per strada. Magari con l’aiuto del caldo e passionale popolo giallorosso: «Ai tifosi dico di sostenerci sempre perché anche un applauso a fine partita quando le cose non vanno bene, come è accaduto in passato, può darci tanta forza per affrontare il futuro».

Parole e musica di Alessandro Florenzi, romano doc come i suoi illustri colleghi Francesco Totti e Daniele De Rossi. In vista della trasferta a Firenze dove la Roma si giocherà davvero tanto del suo campionato, l’esterno romanista chiama a raccolta i tifosi con un messaggio forte e chiaro: «Vogliamo regalavi un trofeo, quindi stateci dietro perchè noi non molliamo niente».

LJAJIC, MANOLAS, HOLEBAS E ASTORI A PARTE - Per quanto riguarda il lavoro della squadra, oggi allenamento al gran completo per la Roma di Garcia con i soli Ljajic, Manolas, Holebas e Astori che hanno lavorato a parte. Dopo la parte atletica e un po' di tattica, l’allenatore francese ha portato la squadra al centro del campo per approfondire schemi e movimenti. Qualcosa sembra essersi inceppato nei perfetti meccanismi del gioco giallorosso e il lavoro e la pazienza sono gli unici strumenti per riprendere le fila del discorso. All’ordine del giorno innanzitutto i problemi realizzativi, conditi da tutta una serie di difficoltà legate ai movimenti dei tre lì davanti, e poi la raffica di errori banali commessi in difesa che hanno reso troppo vulnerabile la retroguardia giallorossa.

SABATINI A LONDRA PER SALAH - Sul fronte mercato, siamo alle battute conclusive dell’affare Salah. Il direttore sportivo giallorosso è a Londra per trattare con il Chelsea e cercare di limare le differenze che ancora impediscono la positiva chiusura della trattativa. L’ostacolo da superare è la differenza tra quello che la Roma è disposta ad offrire per il prestito oneroso (500.000 euro) e quanto invece vorrebbero i Blues (1.5 milioni di euro). Facile supporre che si possa chiudere ad una via di mezzo anche perché l’attaccante egiziano ha fatto capire di volere solo la Roma, rifiutando diverse destinazioni tra cui Monaco, Atletico Madrid e Real Sociedad. Entro 24 ore è attesa la fumata bianca.