Salute | Intossicazioni alimentari

Attenzione agli asciugamani da cucina, potrebbero causare intossicazioni alimentari

Una ricerca condotta dagli scienziati della University of Mauritius ha mostrato come i canovacci da cucina possano rappresentare un serio rischio per la nostra salute

Le intossicazioni alimentari potrebbero essere causate da i canovacci da cucina
Le intossicazioni alimentari potrebbero essere causate da i canovacci da cucina (Africa Studio | Shutterstock)

A volte i pericoli principali si nascondono proprio tra le mura di casa nostra. Se non poniamo sufficiente attenzione, infatti, rischiamo di contaminare la nostra casa da batteri di diverso tipo. Ci sono poi degli oggetti di uso comune che potrebbero essere più pericolosi di altri. Gli asciugamani, per esempio, si trovano in una situazione costante di umidità che – unita al calore delle nostre case – potrebbe favorire la proliferazione di agenti patogeni. Ecco il motivo per cui un asciugamano da cucina potrebbe anche portare a gravi intossicazioni alimentari.

Il pericolo in cucina
In cucina circolano cibi di ogni genere e la maggior parte di questi, se non riposti in frigo, potrebbero favorire la crescita batterica. Questo lo sappiamo tutti. Però non pensiamo ai residui di cibo che si depositano involontariamente negli utensili da cucina o, appunto, proprio negli asciugamani. Sarebbero proprio questi ultimi, secondo i ricercatori dell'Università di Mauritius, che rappresenterebbero un serio rischio di incappare in intossicazioni alimentari.

Non dimenticate mai l’igiene in cucina
«Il nostro studio dimostra che la composizione familiare e le pratiche igieniche in cucina hanno influenzato il carico microbico degli asciugamani da cucina», ha affermato il dottor Biranjia-Hurdoyal. «Abbiamo anche scoperto che la dieta, il tipo di uso e gli asciugamani da cucina umidi potrebbero essere molto importanti nel promuovere la crescita di potenziali patogeni responsabili dell'avvelenamento da cibo». Dai risultati dello studio, infatti, è emerso che il 49% degli asciugamani da cucina presentava una crescita batterica proporzionale al numero di familiari.

Usi sempre lo stesso asciugamano?
Uno dei problemi maggiori è rappresentato dal fatto che in cucina si utilizza un asciugamano per diverse cose. Con lo stesso, infatti, ci si asciuga le mani, si puliscono le superfici e si asciugano le stoviglie. Tutto ciò aumenta vistosamente la crescita batterica rispetto agli asciugamani che venivano utilizzati a un solo scopo (per esempio lavarsi le mani).

Quali batteri?
Dai campioni esaminati è emerso che nei campioni positivi per la crescita batterica vi erano batteri coliformi (36,7%), enterococchi (36,7%) e stafilococco aureus (14,3%). «In questo studio, abbiamo studiato il ruolo potenziale degli asciugatutto da cucina nella contaminazione incrociata in cucina e vari fattori che influiscono sul profilo microbico e sul carico dei canovacci», spiega la dottoressa Susheela D. Biranjia-Hurdoyal, docente senior presso il Dipartimento di salute Scienze, Università di Mauritius e autore principale dello studio.

Lo studio
Durante lo studio i ricercatori hanno preso in esame 100 asciugamani da cucina già utilizzati e hanno calcolato numero e tipologia di batteri grazie a un normale test biochimico. I dati hanno anche mostrato come la varietà di patogeni si modificava a seconda dello stato socio-economico. Per esempio, lo stafilococco aureus è stato isolato principalmente su un tasso più elevato di famiglie appartenenti a un basso livello socio-economico e da quelle che hanno bambini piccoli. Il rischio di avere i coliformi (Escherichia coli) era più alto degli asciugamani che rimanevano umidi più a lungo rispetto a quelli secchi e nelle famiglie che seguivano diete non vegetariane. Mentre L’Escherichia coli era più probabilmente rilevabile nelle persone che non seguivano pratiche igieniche appropriate. Esso, infatti, può derivare da contaminazioni fecali.

Errori comuni
«I dati hanno indicato che pratiche non igieniche durante la manipolazione di cibo non vegetariano potrebbero essere comuni in cucina», spiega il dottor Biranjia-Hurdoyal che ricorda come i patogeni in cucina potrebbero essere responsabili della contaminazione incrociata e  portare a intossicazioni alimentari. «Gli asciugamani umidi e l’uso polivalente degli asciugatutto da cucina dovrebbero essere scoraggiati: le famiglie più grandi con bambini e anziani dovrebbero essere particolarmente attenti all'igiene in cucina». Ricordiamo, infine, che alcune pratiche potrebbero contaminare tutto, compreso gli utensili da cucina. Per esempio, già da tempo, alcuni esperti hanno lasciato l’allarme per la pericolosa pratica di sciacquare la carne (specie quelle di pollo) nel lavandino. I batteri in essa presenti, infatti, potrebbero contaminare tutto ciò che si trova nella cucina portando a intossicazioni alimentari. Un esempio eclatante è stata la recente intossicazioni di una mensa scolastica di Pescara, a causa del campylobacter presente nel pollo.

La ricerca è stata presentata ad ASM Microbe, l'incontro annuale dell'American Society for Microbiology, tenutosi dal 7 giugno a oggi ad Atlanta, in Georgia.

Leggi anche: 180 bambini intossicati a Pescara: colpa della carne
Quasi duecento persone vittime di una tossinfezione alimentare. Le analisi hanno dimostrato che il cibo era contaminato da Campylobacter

Lavare il pollo crudo è pericoloso per la salute: rischio contagio da Campylobacter
I polli sono facilmente colpiti da Campylobacter, un batterio responsabile di disturbi intestinali e direttamente associato con la temibile sindrome di Guillén Barré

Intossicazioni alimentari: sempre più batteri nei polli
La Food Standards Agency (FSA) ha trovato che in media il 73 per cento dei polli in commercio è contaminato da campylobacter. In Europa si arriva fino all’88 per cento, e in Italia quasi al 50 per cento. Un rischio per la salute di tutti