13 dicembre 2018
Aggiornato 05:00

La disfunzione erettile si cura con la curcuma

Secondo un nuovo studio la curcumina può trattare i problemi di erezione come la disfunzione erettile o impotenza. Ecco come
Curcuma
Curcuma (Madeleine Steinbach | shutterstock.com)

STATI UNITI – Un nuovo studio dell’Albert Einstein College of Medicine mostra che la curcuma, oltre a essere una nota spezia alimentare, e utile in molti modi per la salute, può anche essere efficace nel trattamento della disfunzione erettile maschile, o impotenza.

Il fattore chiave
A essere attiva contro i problemi sessuali maschili è la curcumina, il principio attivo contenuto nella curcuma, già oggetto di numerosi studi e trovata essere attiva contro diverse malattie, tra cui anche i tumori. Il suo ruolo di antinfiammatorio e favorente la circolazione si ritiene abbia diversi effetti benefici. Oggi, uno studio pubblicato sul Journal of Sexual Medicine afferma che gli unguenti topici a base di polvere di curcuma possono aiutare a trattare i disturbi erettili, come appunto la disfunzione.

Le nanoparticelle attive
In questa ricerca l’equipe di scienziati hanno sviluppato un unguento particolare trasformando la polvere di curcuma in nanoparticelle, che poi sono state caricate con la curcumina. Ogni granello di questo composto era 100 volte più piccolo di un capello umano. Questo unguento è poi stato spalmato, ogni due giorni, sull’addome di un gruppo di topi maschi.

I risultati
Come riportato nell’articolo, l’uso dell’unguento ha promosso un aumento del flusso sanguigno ai genitali e un miglioramento della vasodilatazione nell’anca – una dilatazione dei vasi sanguigni vicino all’area inguinale che aiuta a ridurre la pressione sanguigna. Quanto a miglioramento della circolazione sanguigna in generale, già precedenti ricerche hanno dimostrato che gli effetti della curcumina sono più duraturi rispetto a molti farmaci da prescrizione. Oltre questo, il team di ricercatori ha trovato che le nanoparticelle penetrano in modo ottimale attraverso la pelle e persistono nei follicoli piliferi per 24 ore. Il vantaggio di un unguento applicabile a livello topico è quello di sfruttare al meglio le proprietà della curcumina che, se assunta per via orale, spesso non è assorbita e viene vanificato l’effetto.