Salute | Eiaculazione precoce

Eiaculazione precoce, allarme tra i maschi. Ma c' rimedio: ecco come

Nel sesso spesso lui troppo veloce, e allora si parla di eiaculazione precoce. Gli esperti lanciano l'allarme tra i maschi, ma il rimedio c'. Ecco quale

Eiaculazione precoce
Eiaculazione precoce (Lighthunter | shutterstock.com)

ROMA – Oggi in Italia si ritiene che almeno un uomo su cinque sia troppo veloce a letto, ossia soffra di eiaculazione precoce. Una condizione quindi molto diffusa in cui il maschio arriva al climax prima di quello che si ritiene sia un tempo 'normale'. Spesso si tratta di un problema psicologico o di ansia, ma altrettanto spesso può essere un insieme di cause che si combinano.

Rimediare all'eiaculazione precoce
Gli esperti sono concordi nel ritenere che all'eiaculazione precoce si possa porre rimedio. Ultimamente, per esempio, è uscito uno spray che pare promettere 'miracoli' in chi soffre di questo problema. Ma, per chi non vuole affidarsi ai farmaci, esistono anche altri rimedi più empirici come, per esempio, le posizioni sessuali.

Le posizioni anti-eiaculazione precoce
Tra le tante posizioni sessuali pare ve ne siano alcune che promuovo tempi più lunghi per il maschio e, al contempo, un gran piacere (anche per la donna). Una di queste è la 'posizione dell’ape'. Per poterla assumere bisogna che l’uomo si metta sul letto, con le gambe semi sdraiate. Dopo di che, la donna si siede sopra di lui, aprendo leggermente le gambe e posizionando i piedi accanto alle cosce di lui. Gli esperti ritengono che questa posizione possa far aumentare il controllo dell’orgasmo da parte del maschio. Altra posizione che si ritiene possa 'ritardare' l'eiaculazione è la classica 'pecorina', dove il maschio penetra da dietro la donna.

Combattere l'eiaculazione precoce con le erbe
Sempre per chi non vuole affidarsi ai farmaci, esistono in commercio delle erbe che si ritiene possano aumentare la 'potenza sessuale' dando più sicurezza all'uomo. Il quale, di conseguenza, dovrebbe avere più padronanza dell'orgasmo. Una di queste erbe è il Safed Musli, considerato anche un potente afrodisiaco. Il rimedio è assai noto nella Medicina Ayurvedica, per via delle sue molteplici virtù. Il nome scientifico di questa erba è Chlorophytum borivilianum, ed è considerata un Rasayana, cioè un rimedio che promuove la longevità. Oltre a questo, diversi studi scientifici lo indicano come un potente rimedio anche contro la disfunzione erettile – si ritiene che i suoi effetti siano paragonabili, se non superiori, a quelli della 'pillola blu'. Infine, uno studio pubblicato su Phytotherapy Research mostra che il Safed Musli sia attivo nel promuovere l'aumento e la motilità degli spermatozoi, combattendo di fatto anche l'infertilità.
Altro rimedio ritenuto efficace è il succo di melograno. Le numerose proprietà di questo succo pare siano efficaci in molti modi, sia nei problemi sessuali di questa natura che nei problemi di erezioni, come la disfunzione erettile.

Lo spray
Di questo si è accennato all'inizio dell'articolo (e per approfondire clicca qui). Il prodotto, che ora è disponibile anche in Italia, si caratterizza per la formulazione leggermente anestetica promossa da sostanze come la lidocaina e la prilocaina. Si deve utilizzare cinque minuti prima del rapporto, in modo da dare il tempo di agire. Secondo la casa produttrice, e il suo 'inventore' Mike Wyllie, permette di tenere sotto controllo l'eiaculazione precoce e avere rapporti sessuali più lunghi – in media 6 volte di più. Il problema, se vogliamo, è che per via dell'effetto anestetizzante, l'uomo prova meno piacere. È dunque questo che dovrebbe far ritardare i tempi.