14 novembre 2019
Aggiornato 19:30
Scandalo donazioni sangue

Scandalo donazioni sangue in Campania alle Iene, Avis: «Totalmente estranei all'accaduto»

Dopo il servizio delle Iene sulle donazioni di sangue in Campania interviene l'Avis: siamo i primi danneggiati nella vicenda. L'Associazione Volontari Italiani del Sangue precisa inoltre che Pasquale Pecora ha già rassegnato le dimissioni

Donazioni sangue
Donazioni sangue Shutterstock

ROMA – Dopo lo scandalo balzato agli onori della cronaca dopo il servizio registrato dalle Iene, interviene l’Associazione Volontari Italiani del Sangue (Avis). «Ieri sera è andato in onda un servizio del programma televisivo 'Le Iene' in cui si è parlato di Avis facendo riferimento ad alcuni episodi avvenuti in Campania. AVIS Nazionale si dichiara totalmente estranea all’accaduto e ribadisce la correttezza dei propri volontari e collaboratori che operano in tutta Italia». Questo il testo della nota rilasciata dall’AVIS in riferimento al servizio sulle donazioni di sangue in Campania.

Le dimnissioni
«Pasquale Pecora – precisa l'Avis – ha già rassegnato le proprie dimissioni da vice presidente nazionale pur dichiarandosi estraneo alle vicende esposte. Inoltre AVIS Nazionale ha inviato la documentazione al competente organo di giurisdizione interna per le valutazioni e i provvedimenti del caso. AVIS, i suoi volontari e il Consiglio Direttivo sono i primi danneggiati in questa vicenda e ci sentiamo di rinnovare con ancora più determinazione il nostro impegno quotidiano a favore dei tanti ammalati che necessitano di un bene prezioso come il sangue. AVIS Nazionale si impegna inoltre a fare immediatamente chiarezza su quanto segnalato e porre rimedio alle irregolarità riscontrate, dandone conto ai propri soci», conclude la nota. Ora si attendono nuovi sviluppi,.