Pubblicità e salute

Impianto dentale a 1 euro: esposto dei medici per pubblicità «ingannevole»

Una pubblicità affermava che si poteva fare un impianto dentale a 1 euro. Ma l'OMCeO di Milano era intervenuto per fermare quella che è stata definita una pubblicità ingannevole. E così è stato

Impianti dentali a poco prezzo non esistono
Impianti dentali a poco prezzo non esistono (bezikus | shutterstock.com)

MILANO - Farsi fare un impianto dentale a 1 euro: un'offerta di certo interessante. Ma è possibile che sia vero? A storcere il naso davanti al messaggio pubblicitario che recitava così sono stati i membri dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano. Che hanno poi presentato un esposto per pubblicità ingannevole.

Ritirata
Dopo l'esposto, la campagna pubblicitaria è stata ritirata. L'amministratore delegato della società responsabile della pubblicità segnalata all'Autorità garante della concorrenza ha infatti inviato un email al presidente dell'Ordine dei Medici di Milano Roberto Carlo Rossi, in cui assicura di avere già disposto il ritiro della campagna.

I fatti
A essere messi sotto accusa sono stati degli annunci apparsi dal 1 febbraio scorso a Milano e in altri centri della provincia. Si trattava di manifesti pubblicitari stradali e annunci negli spazi dei mezzi pubblici che riportano lo slogan 'il tuo sorriso in buone mani' e poi l'annuncio 'Il tuo impianto dentale a 1 euro'. Solo scorrendo poi il testo si intuiva che in realtà il costo per ogni dente impiantato era di ben 752 euro.

Ingannevole
la reazione del Consiglio Direttivo dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano non si è fatta attendere. All'unanimità, aveva perciò avviato la presentazione della richiesta all'Autorità Garante della concorrenza e del Mercato (AGCM) di fermare la pubblicità ritenuta ingannevole. «Con questa iniziativa - ha detto Andrea Senna, presidente Commissione Albo Odontoiatri di OMCeO Milano - l'Ordine ha voluto contribuire, ancora una volta, a fare chiarezza sul vigente sistema di regole in materia di pubblicità odontoiatrica, contro il farwest pubblicitario degli ultimi anni che, invece di rendere più competitivo l'esercizio della professione odontoiatrica, rischia piuttosto di creare gravi danni ai consumatori che sono indotti a scegliere da chi farsi curare più da motivi commerciali che da effettiva conoscenza della qualità che viene loro offerta». «Cominciamo a raccogliere - ha concluso il presidente dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano, Roberto Carlo Rossi - i frutti della forte azione che l'Ordine ha intrapreso contro la pubblicità ingannevole».