22 settembre 2020
Aggiornato 13:00
Sesso bizzarro

Fa sesso con il tampone nella vagina: al Pronto Soccorso ci vogliono ore per rimuoverlo

Una ragazza fa sesso «dimenticando» l'assorbente interno nella vagina. Il giorno dopo cercando di rimuoverlo non riesce più a trovare il cordino e il tampone stesso. Si reca al Pronto Soccorso dove l’operazione di rimozione richiede tempo, imbarazzo, e 900 dollari

STATI UNITI – Sbadata? O Pigra? Quale che sia la risposta, la disavventura sessuale occorsa a una ragazza, Alexa Lafata, studentessa al College, può far sorridere o, pensandoci, storcere il naso. Se poi ci si domanda come ha fatto ad avere un rapporto sessuale completo con l’interno della vagina già occupato da un tampone (o assorbente interno) per il ciclo mestruale, be’ questo lo sa solo lei (e forse anche lui).

Non c’è posto!
D’accordo, la vagina ha un potere di dilatarsi anche molto: lo dimostra quando si partorisce. Ma questa è un’altra storia. Come si fa a pensare di avere un rapporto sessuale con un tampone dentro la vagina? Non c’è posto, verrebbe da pensare. Eppure la ragazza non ci ha pensato, o forse sì. Fatto sta, che lo ha fatto lo stesso. E non si sa neanche se la presenza del tampone le abbia dato fastidio, più che farle provare piacere durante l’atto.

Il tampone del giorno dopo
Passata la notte, e l’avventura sessuale, la mattina dopo la ragazza ha pensato che forse era ora di rimuovere il tampone (fosse anche solo per cambiarlo). Ma con sorpresa, dopo aver cercato e cercato, il cordino tramite cui si può far uscire il tampone non c’era più. E, rimestando con le dita dentro la vagina, per la verità non si trovava più neanche il tampone. Panico!

Di corsa al Pronto Soccorso
Forse con un certo imbarazzo, la ragazza si è recata al Pronto Soccorso per chiedere aiuto. La stessa Alexa ha confessato che non era la prima volta che lasciava per molto tempo un tampone nella vagina, ignara (e fino a oggi fortunata) che questa pratica può essere causa di shock tossico, a seguito di un’infezione potenzialmente fatale. Anche il medico ha dovuto penare per scovare il tampone, che era finito molto in su, per poi rimuoverlo. Alla fine ce l’ha fatta e Alexa se l’è cavata con un rimprovero e un conto di ben 900 dollari per l’intervento di rimozione: un’avventura sessuale che le è costata cara, ma che poteva anche costarle di più in termini di salute.