19 dicembre 2018
Aggiornato 17:30

Herpes labiale o simplex. Cause, sintomi, cure e rimedi naturali

Che cos’è l’herpes labiale o simplex, le cause, la trasmissione, i sintomi, la diagnosi, le cure tradizionali, i rimedi naturali

Herpes labiale o simplex: cause, sintomi, rimedi
Herpes labiale o simplex: cause, sintomi, rimedi (Shutterstock.com)

1. Che cos’è l’herpes labiale o herpes simplex?
L’herpes labiale o simplex, che qualcuno chiama familiarmente «febbre delle labbra», è un’infezione provocata dal virus HSV-1 (o simplexvirus). Il simplex virus di tipo 1 è non solo causa di infezioni oro-faciali, ma anche di encefalite (da infezione neonatale). È un virus di tipo latente: una volta che lo si è contratto si insedia nell’organismo (gangli nervosi) è qui vi rimane per sempre, restando appunto latente e risvegliandosi di quando in quando.

2. Quali sono le cause dell’herpes labiale o simplex?
Le principali cause del risveglio del virus, con la conseguente sintomatologia sono

  • Stress, sia fisico che emotivo
  • Febbre
  • Infezioni virali come influenza o raffreddore
  • Immunodepressione (momentanea o cronica)
  • Esposizione alla luce ultravioletta (raggi solari, lampade abbronzanti)
  • Lesioni cutanee
  • Freddo, vento
  • Disturbi gastrointestinali
  • Allergie
  • Malattie metaboliche o endocrine (obesità, diabete, ipertiroidismo ecc.)

3. Come si trasmette l’herpes labiale o simplex?
Tutti i tipi di HSV (dunque anche l’HSV-1) devono venire in contatto con le mucose o con lesioni della cute per infettare. Una persona infetta può esserne il veicolo senza che se ne renda conto e in assenza di sintomi.

4. Quali sono i sintomi dell’herpes labiale o simplex
Il virus dell’herpes simplex ha un’incubazione media di 4 giorni. Tuttavia la fase di escrezione virale (cioè la fuoriuscita all’esterno del prodotto dell’infezione) si manifesta dopo circa 20 giorni.

L’herpes simplex in genere colpisce

  • Labbra
  • Bocca e gengive (talvolta gola)
  • Naso o altre parti del viso come intorno agli occhi.

I sintomi più comuni sono

  • In fase iniziale, cioè prima che compaiano le vescicole: formicolio locale, bruciore, pizzicorio, dolore
  • Formazione di vescicole piene di liquido
  • Lacerazione delle vescicole, fuoriuscita del liquido e successiva formazione di croste
  • Dopo circa una settimana, dieci giorni, le lesioni scompaiono.

Altri sintomi, più tipici di un primo esordio dell’infezione, specie nei bambini sono

  • Febbre, anche alta
  • Mal di gola
  • Linfonodi ingrossati
  • Spossatezza
  • Mal di testa

5. Come si ottiene una diagnosi di herpes labiale o simplex?
La diagnosi la formula il medico, anche soltanto per osservazione dei sintomi. In taluni casi, per accertarne la presenza si può ricorrere alle colture cellulari in vitro per isolare il virus. Un altro esame è quella della PCR (polymerase chain reaction), o reazione a catena della polimerasi, in cui si analizza la positività al Dna del virus.

6. Come si cura l’herpes labiale o simplex?
I rimedi per l’herpes labiale o simplex possono essere diversi, sia tra le cure tradizionali che i rimedi naturali. Va detto che qualsiasi trattamento non elimina il virus, che una volta insediatosi nel corpo vi rimane per tutta la vita. I trattamenti vanno a «curare» la manifestazione acuta.

Le cure tradizionali
Tra le cure farmacologiche, i più utilizzati sono i farmaci antivirali come l’aciclovir (un inibitore della sintesi del Dna del virus), il penciclovir, il valaciclovir e il famciclovir. Di solito sono efficaci nel ridurre i sintomi e combattere l’infezione acuta ─ specie quando sia piuttosto forte. Tuttavia non sono esenti da effetti collaterali, come per esempio una sensibilizzazione.

I rimedi naturali
Anche tra i rimedi e le cure naturali ve ne sono diversi. Vediamone qualcuno.

  • Melissa. La melissa è un’acerrima nemica dell’herpes labiale. Si usa in tintura madre da applicare localmente sulle vescicole. Agendo per tempo, ai primi segni di «formicolio» può anche bloccare l’escrezione. Allo stesso modo, si può utilizzare la tintura di Timo (che però è più forte e può bruciare un po’).
  • Miele. Il miele possiede proprietà igroscopiche, per cui aiuta a lenire i fastidi delle vescicole, facendole seccare prima. In più lenisce l’infiammazione della pelle.
  • Limone. Anche il limone possiede proprietà disinfettanti e che accelerano la formazione delle crosticine. Si applica il succo localmente.
  • Aceto. Al pari del succo di limone, ha proprietà disinfettanti e favorenti la formazione delle crosticine.
  • Aloe. Anche il gel di Aloe applicato localmente aiuta a combattere l’infezione, lenire i fastidi e far guarire prima le lesioni.
  • Tè. Tra i rimedi naturali, figura anche il tè, che con i suoi tannini si ritiene essere attivo contro l’herpes labiale. Si fanno degli impacchi locali più volte al giorno.
  • Dentifricio. Più che naturale, è considerato un rimedio popolare: applicare localmente un po’ di pasta di dentifricio si ritiene faccia passare prima l’infezione. Non tutti sono concordi, tuttavia quello che è certo è che dà una sensazione rinfrescante che può almeno lenire un po’ il fastidio.
  • Altri rimedi. Per chi non ha tempo o voglia di applicare i rimedi succitati, in farmacia o erboristeria esistono dei preparati con rimedi naturali già pronti all’uso, sotto forma si pomate, unguenti, cerotti e così via.