Roma | Archeologia

Archeologia, ritrovamento a Ostia: potrebbe essere Afrodite

Potrebbe essere copia dell'opera dello scultore greco Doidalsas

Archeologia, ritrovamento a Ostia: potrebbe essere Afrodite
Archeologia, ritrovamento a Ostia: potrebbe essere Afrodite (ANSA)

ROMA - La terra tra i capelli confonde i particolari, ma la testa in marmo ritrovata oggi nel terreno del parco archeologico di Ostia Antica «sembra avere la pettinatura di una Venere di Doidalsas oppure potrebbe essere una Musa». E' quanto affermano dopo una prima valutazione le archeologhe Mariarosaria Barbera e Cinzia Morelli, senza escludere altre interpretazioni. L'Afrodite di Doidalsas, scultore greco del IIIsecolo a.C., raffigura la dea al bagno, caratterizzata daciocche di capelli raccolte sulla sommità del capo e da unpiccolo chignon appoggiato sulla nuca.

POTREBBE ESSERE UNA REPLICA - Quella rinvenuta a Ostia Antica, spiega una nota del parco archeologico, potrebbe essere una replica di età romana imperiale del celebre modello greco. La deliziosa testina marmorea è riemersa dalla terra nel corso di lavori di manutenzione ordinaria, in terreni di riporto di epoca post-classica.