Roma | Comuni

Roma, Gennaro: lavoratori Multiservizi scelgano o no soluzione

Per l'assessore capitolino "con la proposta del Comune si revoca la mobilità". Solidarietà ai dipendenti dal consigliere regionale Adriano Palozzi

Manifestazione dei lavoratori della Multiservizi in piazza del Campidoglio nel dicembre 2016.
Manifestazione dei lavoratori della Multiservizi in piazza del Campidoglio nel dicembre 2016. (ANSA/ANGELO CARCONI)

ROMA - "La soluzione promossa dall'Amministrazione capitolina, che si è spesa in un'opera di mediazione con i vertici di Ama e di Roma Multiservizi, garantisce la revoca delle procedure di mobilità aperte dall'azienda nei confronti di 30 dipendenti, assicurando la tutela del loro posto di lavoro a parità di stipendio" ha fatto sapere l'Assessore allo Sviluppo strategico delle Partecipate di Roma Capitale Alessandro Gennaro.

Offerto un cambio di mansione
"È un diritto dei lavoratori scegliere altre strade, come quella del ricorso al Fondo di integrazione salariale (Fis) dell'Inps o al Fondo di solidarietà. Si tratta però di strumenti che potrebbero coinvolgere anche gli altri dipendenti e che comunque hanno una durata limitata nel tempo, scaduto il quale si riapriranno inevitabilmente e per legge le procedure di mobilità" ha proseguito Gennaro. "Ai dipendenti di Roma Multiservizi è stato offerto un cambio di mansione, da amministrativi ad operativi sul territorio, mantenendo lo stesso livello salariale e il posto di lavoro all'interno dell'azienda. La possibilità di ricorrere ad altri strumenti è sempre stata ritenuta dalla nostra Amministrazione la soluzione che meno salvaguarda i dipendenti stessi, perché rinvia nel tempo il problema anziché affrontarlo. Tuttavia, se i lavoratori dovessero scegliere altre opzioni, noi siamo pronti a prenderne atto e ad agire di conseguenza dando appositi indirizzi ad Ama, società che controlla al 51% Roma Multiservizi".

La solidarietà di Palozzi
"Rivolgiamo il nostro sostegno ai lavoratori della Multiservizi, ormai totalmente abbandonati dall'inefficiente amministrazione, guidata dalla sindaca Raggi. I dipendenti sono sempre più esasperati e il loro gesto di protesta è il risultato, purtroppo, anche della fallimentare gestione della vicenda da parte del Campidoglio grillino. La priorità è quella di continuare a garantire i servizi, tutelando il personale. Basta con questo immobilismo istituzionale e con le chiacchiere della giunta Raggi, decisamente incapace di affrontare una tematica così delicata e complessa». Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio di Forza Italia, Adriano Palozzi.

L'attacco di Fratelli d'Italia
«Da Fratelli d’Italia solidarietà ai dipendenti della Multiservizi, che stamane sono saliti sul tetto dell’azienda per manifestare contro il licenziamento che ha colpito 30 lavoratori. Quanto sta accadendo è preoccupante e dover far riflettere seriamente la Giunta 5 Stelle, che ha grande responsabilità in merito alla gestione della Multiservizi. Fin da subito come Fdi abbiamo denunciato l’errore della gara a doppio oggetto fortemente voluta dai grillini ed ora ecco i risultati, con i dipendenti senza lavori e non vorremmo peraltro che vengano messia rischio altri posti di lavoro e chiediamo quindi di tutelare i livelli occupazionali. Che dice ora il sindaco Raggi che aveva promesso che la Multiservizi sarebbe diventata una società del Comune di Roma al 100%? Cittadini e lavoratori smascherano bluff 5 Stelle, solo chiacchiere e promesse non mantenute».