Rimedi naturali | Marijuana

Marijuana, rivoluzione in California: diventa finalmente «legale»

La Marijuana diventa libera in California. Tutti pronti per il Tea Party (legale) a base di Canapa. Ma il governo USA non cede

marijuana libera in California
marijuana libera in California (FabrikaSimf | Shutterstock)

Mancano solo due giorni al grande evento: e finalmente in California la cara, vecchia, cannabis diventerà totalmente libera. Chiunque potrà usarla anche in cucina e in cosmetica. Ed è così che sulla nostra tavola potremo trovare gelati, torte e biscotti, conditi con un po’ di Marijuana. Ci sono prodotti, poi, che hanno già conquistato fan ancor prima di essere commercializzati: il più atteso del momento, per esempio è il cioccolato alla cannabis. Ma ci sono delle piccole restrizioni: tutti gli alimenti destinati ai bambini – come per esempio le caramelle - non potranno contenere tracce di questa antichissima piantina.

Una svolta
Arriva la svolta in California: la marijuana potrà essere libera e chiunque potrà acquistare liberamente alimenti, cosmetici o altri prodotti a base di Cannabis. L’«erba» ha conquistato la sua fama poco alla volta: tutto è iniziato con l’approvazione a scopo terapeutico, poi pian piano – in maniera quasi silenziosa – è riuscita a penetrare in questo mercato alternativo. Ma per il governo federale USA è ancora illegale. D’altro canto, oltre alla California anche l’Oregon, l’Alaska, il Washington State e il Colorado, sono riusciti ad arrivare all’obiettivo prefissato grazie a un referendum popolare.

In attesa del boom
Se già prima i californiani spendevano quasi otto miliardi all’anno per acquistare marijuana illegalmente, ora che potranno farlo liberamente si assisterà – con tutta probabilità - ad un vero e proprio boom delle vendite. Senza considerare che impazzano da tempo già i famosi tea party a base di Cannabis. Ma, in previsione, ci sono anche dei piccoli problemi da non sottovalutare. Per esempio, le banche non permettono l’uso di denaro elettronico per acquistare un prodotto che è ritenuto illegale dal governo americano. Ciò significa che la maggior parte delle persone userà contanti e il rischio di riciclaggio del denaro sarà altissimo.