Dieta dell’avocado

Dieta dell’avocado: 3 motivi per cui dovresti mangiarlo ogni giorno. Previene cancro e protegge il cuore

L’avocado è uno dei frutti più ricchi di antiossidanti. Numerose ricerche scientifiche ne hanno confermato le sue incredibili virtù medicinali. Riduce tumori, protegge il cuore, e molto altro ancora

Dieta dell'avocado benefici per la salute
Dieta dell'avocado benefici per la salute (Nataliya Arzamasova | Shutterstock)

La Persea americana, alias avocado, è uno dei frutti più ricchi di antiossidanti. Originario del Messico e del centro America, solo oggi comincia a godere di grande fama. E il merito sarebbe in parte delle numerose ricerche scientifiche che ne hanno vagliato le sue incredibile virtù medicinali. Ma l’avocado non dà il meglio di sé solo a tavola, anche gli estratti di frutti e foglie possono riservarci molte sorprese (positive) in fatto di salute.

Un anticancro naturale
Secondo studi recenti l’avocado contiene altissime dosi di antiossidanti, tra questi la luteina e altri carotenoidi come la zeaxantina, l’alfa-carotene e il beta-carotene. Il carotenoide presente in maggior quantità resta comunque la luteina che si presenta nella misura di circa il 70%. Tali sostanze, unite alla vitamina E hanno dimostrato di agire efficacemente contro il cancro. Un estratto di avocado ha dimostrato di inibire la crescita delle linee cellulari del cancro alla prostata sia androgeno dipendente che non. «L'incubazione delle cellule PC-3 con l'estratto di avocado ha portato all'arresto del ciclo cellulare G(2)M accompagnato da un aumento della espressione proteica p27. La sola luteina non ha riprodotto gli effetti dell'estratto di avocado sulla proliferazione delle cellule tumorali. In comune con altri frutti e verdure colorate, l'avocado contiene numerosi carotenoidi bioattivi. Poiché l'avocado contiene anche una significativa quantità di grassi monoinsaturi, questi carotenoidi bioattivi sono probabilmente assorbiti nel flusso sanguigno», concludono gli scienziati.

Protegge l’apparato cardiovascolare e dal diabete
L’avocado ha dimostrato di proteggere l’apparato cardiovascolare portando al rilassamento dei vasi sanguini e una riduzione dell’ipertensione. Uno studio ha valutato l’estratto acquoso delle foglie di avocado che è stato in grado, alla stregua dell'acetilcolina, di produrre un rilassamento efficiente. «L'azione vasorilassante dell’avocado è dipendente dall'endotelio e quindi è probabilmente dipendente dalla sintesi e dal rilascio dell'ossido nitrico (NO). Gli effetti vasorilassanti sembrano contribuire in modo significativo agli effetti ipotensivi (antipertensivi) dell'estratto vegetale». Inoltre, gli scienziati ritengono che l'estratto acquoso delle foglie di avocado «possiede effetti ipoglicemici nei ratti normali. L'attività massima antidiabetica è stato raggiunta 6 ore dopo aver somministrato una singola dose».

Protegge il fegato
Un altro gruppo di scienziati ha dimostrato che l’avocado possiede un effetto protettivo nei confronti del fegato. In particolare sono riusciti a ridurre lo stress ossidativo provocato dall’intossicazione da paracetamolo. «Il meccanismo di questa protezione è probabilmente dovuto a un'azione antiossidante di catalasi (CAT), superossido dismutasi (SOD) e glutatione perossidasi, che sono i meccanismi di difesa intracellulari primari per affrontare un aumento dello stress ossidante. L'estratto di foglie e la sua azione epatoprotettiva contro la tossicità acuta di paracetamolo lo rendono un potenziale agente contro le malattie epatiche e altre patologie associate allo stress ossidativo».

Lo sapevi? Si possono usare anche i semi
I semi dell’avocado non passano certo inosservati considerata la loro grandezza in proporzione al frutto. Forse molti di voi non sanno che questi non andrebbero assolutamente buttati via. Tutt’altro: possono essere polverizzati con un mortaio e aggiunti agli alimenti. Si ottiene così un pasto ricchissimo di antiossidanti ed estremamente benefico. «La ricerca attuale – spiegano gli scienziati del Dipartimento di Scienze dell'alimentazione dell’Università di Stato della Pennsylvania - ha dimostrato che i semi dell’avocado possono migliorare l'ipercolesterolemia ed essere utili nel trattamento dell'ipertensione, delle condizioni infiammatorie e del diabete. Sono state evidenziate anche attività insetticide, fungicide e antimicrobiche». I semi di avocado possono essere grattugiati all’interno di zuppe, yogurt, minestre, salse o insalate. In alternativa possono essere consumati sotto forma di infusi caldi.

[1] J Nutr Biochem. 2005 Jan;16(1):23-30. Inhibition of prostate cancer cell growth by an avocado extract: role of lipid-soluble bioactive substances. Lu QY1, Arteaga JR, Zhang Q, Huerta S, Go VL, Heber D.

[2] Cardiovasc J Afr. 2007 Mar-Apr;18(2):69-76. Cardiovascular effects of Persea americana Mill (Lauraceae) (avocado) aqueous leaf extract in experimental animals. Ojewole JA1, Kamadyaapa DR, Gondwe MM, Moodley K, Musabayane CT.

[3] Pharmacogn Rev. 2010 Jan-Jun; 4(7): 77–84. doi:  10.4103/0973-7847.65332 PMCID: PMC3249906 The phytochemical and pharmacological profile of Persea americana Mill Mohammad Yasir, Sattwik Das,1 and M. D. Kharya

[4] Pharmacogn Rev. 2010 Jan-Jun; 4(7): 77–84. doi:  10.4103/0973-7847.65332 PMCID: PMC3249906 The phytochemical and pharmacological profile of Persea americana Mill Mohammad Yasir, Sattwik Das,1 and M. D. Kharya

[5] Curr Pharm Des. 2013;19(34):6133-40. Avocado (Persea americana) seed as a source of bioactive phytochemicals. Dabas D1, Shegog RM, Ziegler GR, Lambert JD.