Alimentazione e salute

Succo di arancia: una spremuta di benessere. Virtù, benefici e proprietà della bevanda più consumata al mondo

Il succo d’arancia è una bevanda ricca di vitamine e antiossidanti che non potenziano solo il sistema immunitario, ma prevengono anche infiammazione, malattie croniche e danni cardiovascolari

Le proprietà e i benefici del succo di arancia
Le proprietà e i benefici del succo di arancia (Mama Mia | Shutterstock)

Qual è il frutto per eccellenza dei mesi freddi? Ovviamente l’arancia. Il suo sapore lievemente acidulo e il suo aroma inconfondibile è adatto anche ai palati più esigenti. C’è chi lo consuma a colazione, al posto del caldo caffè o latte; chi invece non fa uno spuntino senza una spremuta preparata al momento. Ma l’arancia non è solo vitamina C, è un concentrato di benessere. Ecco cosa hanno scoperto gli scienziati negli ultimi anni.

Un pieno di vitamina C e non solo
L’aumento della disponibilità della tanto propagandata vitamina C è stata anche oggetto di ricerche scientifiche. Gli scienziati hanno infatti scoperto che tre ore dopo l’assunzione di succo di arancia si assiste a un aumento ematico dei valori di tale vitamina. Ma la verità è che l’arancia dispensa anche tante altre sostanze essenziali al nostro benessere e facilmente assimilabili. Il frutto è anche ricco di vitamina A e vitamine del gruppo B (Tiamina, Niacina, Riboflavina). Non mancano poi i bioflavonoidi – preziosi antiossidanti – e Sali minerali come calcio e ferro.

  • Una curiosità
    Alcuni ricercatori della Cornell University di New York, hanno provato a nutrire animali affetti da diverse forme tumorali allo stadio iniziale con un estratto di succo di arancia concentrato. E i risultati sono stati più che soddisfacenti: le lesioni sono diminuite del 40 percento.

Riduce l’infiammazione e previene i danni cardiovascolari
L’assunzione di succo d’arancia rossa per due periodi di sette giorni ciascuno – con un intervallo di tre giorni – ha mostrato la sua capacità di ridurre l’infiammazione e il rischio cardiovascolare migliorando la funzione endoteliale. Lo studio non ha messo a paragone un succo di arance bionde, per verificare se si ottenevano effetti simili.

Le rance prevengono le malattie croniche
Le rance prevengono le malattie croniche (Africa Studio | Shutterstock)

Elimina i danni causati dallo stress ossidativo
Il succo d’arancia ha mostrato di ridurre i danni al DNA grazie alla presenza di polifenoli. Sia la sua concentrazione naturale che un prodotto con l’aggiunta di tali componenti sono stati in grado di proteggere dalla perossidazione lipidica, di modificare gli enzimi antiossidanti, di ridurre il peso corporeo nelle persone in sovrappeso o obese. L’aggiunta di polifenoli (estratti dall’arancia) ha influito positivamente solo sull’attività del SOD - superossido dismutasi – un enzima ad attività antiossidante.

Abbatte il rischio di malattie croniche
Si sa che alla base di molte malattie croniche vi è l’infiammazione. Alcuni studi hanno quindi suggerito come il succo d’arancia possa essere fondamentale in una dieta volta al trattamento e alla prevenzione di molte patologie croniche. I ricercatori non hanno però compreso quale meccanismo sia alla base di tale virtù. Per tale ragione ritengono che siano necessari nuovi studi.

Ottimo per i calcoli urinari
Uno studio ha voluto mettere a confronto il ruolo svolto dal succo d’arancia nei soggetti affetti da litiasi urinaria. Dai risultati è emerso che ha le potenzialità per ridurne la formazione in maniera simile – anche se non identica – al citrato di potassio nella calcolosi da acido urico. L’unica differenza è che il succo di arancia non riduceva la saturazione urinaria di ossalato di calcio.

Scegli sempre le arance biologiche
Gli agrumi sono tra i frutti più ricchi di sostanze estranee: tra pesticidi e cere. Per tale motivo è vivamente consigliabile affidarsi sempre ai prodotti biologici. Possono costare un po’ di più, ma non troppo. Non c’è alcun motivo per cui i prezzi dovrebbero lievitare esageratamente commercializzando arance a più del doppio del prezzo di mercato. Quindi, affidatevi sì al biologico ma con discernimento.

Nessun effetto negativo
Secondo alcune recenti teorie, non erano solo i succhi di frutta industriali, con molti zuccheri aggiunti, a minare la propria forma fisica. Erano sotto accusa anche le varie spremute di frutta. Un nuovo studio ha voluto far chiarezza in merito a questo argomento e ha scoperto che consumando 250 ml di succo di arancia per tre mesi continuati «non ha influenzato negativamente la sensibilità all'insulina, lipidi o il peso corporeo». Insomma, possiamo stare tranquilli: il succo di arancia fa bene alla salute e non c’è alcun motivo per evitarne l’assunzione.

[1] Food Funct. 2016 Apr;7(4):1884-91. doi: 10.1039/c6fo00039h. Orange juice consumption and its effect on blood lipid profile and indices of the metabolic syndrome; a randomised, controlled trial in an at-risk population. Simpson EJ1, Mendis B2, Macdonald IA1.

[2] J Urol. 1993 Jun;149(6):1405-8. Effect of orange juice consumption on urinary stone risk factors. Wabner CL1, Pak CY.

[3] J Nutr. 2015 Aug;145(8):1808-16. doi: 10.3945/jn.115.213660. Epub 2015 Jul 1. Normal or High Polyphenol Concentration in Orange Juice Affects Antioxidant Activity, Blood Pressure, and Body Weight in Obese or Overweight Adults. Rangel-Huerta OD1, Aguilera CM1, Martin MV1, Soto MJ2, Rico MC1, Vallejo F3, Tomas-Barberan F3, Perez-de-la-Cruz AJ4, Gil A5, Mesa MD1.

[4] Am J Clin Nutr. 2012 May;95(5):1089-95. doi: 10.3945/ajcn.111.031088. Epub 2012 Apr 4. Effects of red orange juice intake on endothelial function and inflammatory markers in adult subjects with increased cardiovascular risk. Buscemi S1, Rosafio G, Arcoleo G, Mattina A, Canino B, Montana M, Verga S, Rini G.

[5] Plant Foods Hum Nutr. 2013 Mar;68(1):1-10. doi: 10.1007/s11130-013-0343-3. Anti-inflammatory properties of orange juice: possible favorable molecular and metabolic effects. Coelho RC1, Hermsdorff HH, Bressan J.

[6] J Am Coll Nutr. 1996 Oct;15(5 Suppl):4S-11S. Fruit juice consumption by infants and children: a review. Dennison BA1.

[7] Effect of orange juice intake on vitamin C concentrations and biomarkers of antioxidant status in humans. Sánchez-Moreno C1, Cano MP, de Ancos B, Plaza L, Olmedilla B, Granado F, Martín A.