Motori | Sic Day

Corsi al Diario Motori: «Dovizioso e Morbidelli vanno forte, ma il migliore è Marquez»

Abbiamo incontrato al Sic Day di Latina il pilota romano, che l'anno prossimo passerà al team Tasca Racing: «Dovrò adattarmi, ma conto di arrivare sempre nelle prime cinque posizioni»

LATINASimone Corsi, al Sic Day sei stato protagonista di un weekend di divertimento, ma per un ricordo importante.
Sì, come ogni anno ho partecipato a questo evento importante, sia per divertirci con tutti gli amici piloti e vip, che per ricordare il nostro amico Marco Simoncelli. È sempre bello stare qui tutti insieme, anche con un bel po' di pubblico, che è importante.

Per te quella appena trascorsa, con Speed Up, è stata una stagione un po' complicata: come la rivedi ora, a bocce ferme?
Alla fine quest'anno non è andato proprio benissimo, mi aspettavo un po' di più. Ma il Mondiale è competitivo, gli altri piloti non stanno a guardare, quindi vediamo di prepararci al meglio per il 2018.

Il 2018 che ti porterà, ancora una volta, ad abbracciare una nuova avventura, quella con Tasca Racing.
Sì, cambio team e cambio moto. Dovrò adattarmi, ma a febbraio ci ripenseremo.

Quali sono le tue aspettative?
Sempre di arrivare nelle prime cinque posizioni, sarebbe buono.

Tra gli altri avversari, quest'anno ti sei scontrato anche contro il campione Franco Morbidelli, che passerà in MotoGP. Cosa possiamo attenderci da lui?
Sono stato contento per Franco: abbiamo cominciato insieme da bambini, ma già dall'anno scorso ha fatto un bel salto di qualità, è cresciuto tanto. Se l'è meritato, è un ragazzo in gamba, di talento, e lo dimostrava fin da piccolo. In questa stagione andava davvero forte e sono sicuro che farà lo stesso anche in MotoGP.

E la classe regina quest'anno come l'hai vista, con l'improvvisa esplosione di Andrea Dovizioso?
Dovi è andato fortissimo, ma è sempre stato un gran pilota. Sono contento: è un bravo ragazzo, se lo merita. Però c'è Marc Marquez che è ancora il più forte di tutti.