27 giugno 2017
Aggiornato 22:30
Il video-editoriale per il Diario Motori

Beltramo: Perché il GP di Le Mans è fondamentale per Valentino Rossi

Pur essendo ancora in testa alla classifica mondiale, il Dottore viene da una gara di Jerez piuttosto difficile, proprio sulla pista dove un anno fa vinse dalla pole position. In Francia è obbligatorio invertire la rotta, perché contro si ritrova una Honda competitiva con entrambi i piloti

MILANO – La MotoGP torna in pista a Le Mans, un primo crocevia della stagione al quale i big si presentano tutti molto ravvicinati in classifica generale, ma anche con stimoli completamente diversi. Dalla Honda che vuole confermare il dominio emerso a Jerez per riportarsi in testa al Mondiale, alla Yamaha che guarda tutti dall'alto ma deve invertire la rotta dopo il disastro spagnolo, fino alla Ducati galvanizzata dal primo podio di Jorge Lorenzo: «Un Gran Premio abbastanza fondamentale – prevede il nostro Paolo Beltramo – soprattutto per la Yamaha e Valentino Rossi che, pur essendo in testa alla classifica, viene da una gara di Jerez piuttosto difficile, proprio sulla pista dove l'anno scorso aveva vinto partendo dalla pole position. In Francia ad aver ottenuto più successi, invece, è Jorge Lorenzo, anche se il circuito non dovrebbe essere favorevolissimo alla Ducati: ma ormai queste considerazioni lasciano il tempo che trovano. In realtà la Honda a questo punto ha dimostrato di essere competitiva con entrambi i piloti e Maverick Vinales è comunque un avversario tosto e, se dovesse trovare il grip giusto, entra tra i candidati alla vittoria così come Vale. E poi vediamo cosa riusciranno a fare Andrea Dovizioso, Andrea Iannone e anche Cal Crutchlow, che quest'anno purtroppo è caduto due volte e dovrebbe stare un po' più tranquillo e riuscire a stare in piedi per concretizzare le sue grandissime potenzialità. Siamo quasi a un terzo di campionato e diventa un punto in cui si può cominciare davvero a capire qualcosa di più».