26 giugno 2017
Aggiornato 21:00
Il video-editoriale per il Diario Motori

Minardi: Che brava questa Ferrari, vince anche con una macchina inferiore

Sia in qualifica che in gara la Mercedes ha ancora quattro-cinque decimi di vantaggio, secondo le analisi dell'ex team principal. Eppure la Rossa è riuscita a mettere sotto pressione il team tedesco, fino al punto da indurlo all'errore

FAENZA – Un bel regalo di Pasqua quello che Sebastian Vettel e la Ferrari hanno consegnato ai loro tifosi, grazie al successo nel Gran Premio del Bahrein: «Siamo alla terza gara ed è arrivata la seconda vittoria Ferrari – commenta il nostro Gian Carlo Minardi – Indubbiamente il movimento ferrarista sarà in euforia, come i fuochi d'artificio che hanno accolto l'arrivo di Sebastian Vettel». Nonostante, secondo l'ex team principal, la pista abbia evidenziato ancora una volta un leggero vantaggio competitivo a favore del team tedesco, infatti, il Cavallino rampante ha ribaltato la situazione nel migliore dei modi proprio grazie alla sua impeccabile condotta di gara: «È stato un weekend non facile, ma sfruttato al massimo dalla Ferrari – prosegue il fondatore dell'omonima scuderia italiana – Non facile, perché si sono evidenziate le potenzialità della Mercedes, sia in qualifica, dove Valtteri Bottas ha rifilato mezzo secondo a Vettel, sia in gara con la rimonta di Lewis Hamilton, anche in questo caso con un divario di quattro-cinque decimi. Però la Rossa è in forma e sta mettendo sotto pressione le Frecce d'argento, inducendo all'errore sia il team che il pilota. Questo sarà il leit motiv di tutta la stagione. La Ferrari dovrà certamente migliorarsi, e gli uomini di Maranello lo faranno, nella ricerca tecnica per diminuire il distacco, ma soprattutto dovrà utilizzare e sfruttare bene tutte le opportunità che le si presenteranno durante il percorso. E, in questo momento, i dati sono molto chiari: siamo 2-1».