Motori | Moto3 Junior

Vietti Ramus, il baby dello Sky Vr46 esce dalla crisi e torna sul podio

Secondo posto e primo podio stagionale per Celestino, il portacolori dello Junior team di Valentino Rossi, dopo un avvio di stagione piuttosto sfortunato

Celestino Vietti Ramus sul podio di gara-2 del Mondiale Junior Moto3 a Barcellona
Celestino Vietti Ramus sul podio di gara-2 del Mondiale Junior Moto3 a Barcellona (Sky Vr46)

BARCELLONA – Dopo un avvio di stagione piuttosto sfortunato, Celestino Vietti Ramus mette a segno un ottimo secondo posto e primo podio stagionale, sul circuito di Catalunya, al quarto appuntamento del Mondiale Junior. Un risultato ottenuto con grande determinazione in una gara per nulla facile. Il pilota dello Sky Junior Team Vr46, dopo aver faticato in gara-1, chiusa in tredicesima posizione, è riuscito infatti a gestire a suo favore le due bandiere rosse che hanno interrotto in due occasioni la seconda gara di giornata. Celestino è infatti stato autore di tre ottime partenze che lo hanno portato ad inserirsi, in tutte le occasioni, nel gruppo dei primi. Decisivo l’ultimo start, con la gara ridotta a soli sei giri. Il pilota della Vr46 Riders Academy si è subito portato in testa e ha lottato con grande determinazione per il podio, fino all’ultimo giro, dove ha sfiorato la vittoria, secondo a soli 53 millesimi. «È stato un weekend un po’ difficile perché venerdì ho iniziato le prove libere con una caduta e avevo perso il feeling con la moto – commenta il giovane pilota italiano – In qualifica ho faticato, cosi come in gara-1. Però in gara-2 abbiamo sistemato un po' di cose, ho ritrovato un buon feeling e abbiamo fatto una bella gara, nonostante le bandiere rosse. Abbiamo fatto tanti sorpassi e abbiamo portato a casa un bel podio. Dobbiamo ripartire da qui e continuare a credere in questi risultati. Ringrazio tutto il team e la Vr46 per il loro supporto».

Risultato che dà morale
Prossimo appuntamento in programma sul circuito di Aragon, in Spagna, il prossimo 29 luglio. «Non è stato un weekend facile – ammette il team manager Luca Brivio – Ci siamo trovati in difficoltà in diverse occasioni. In qualifica, a causa del traffico, non siamo riusciti a trovare il giro veloce. La partenza dalla dodicesima piazza non era quindi entusiasmante. In gara-1 Celestino non aveva un ottimo feeling con la moto ed è riuscito a concludere solo 13°, mentre in gara-2 ha dimostrato grande carattere ed intelligenza, perché non si è abbattuto e nonostante la gara davvero breve, è partito benissimo ed ha lottato nel gruppo dei primi per la vittoria con la giusta determinazione. Siamo proprio contenti di questo weekend perché venivamo da un periodo complicato e questi due risultati sono una bella carica di energia per i prossimi appuntamenti».