Motori | Superbike

Anche Yamaha è entrata tra le grandi: è doppietta Lowes-Van der Mark

La conferma che i successi di Donington non siano stati un fuoco di paglia arriva in Repubblica Ceca: ora la casa giapponese è la terza incomoda del Mondiale

La Yamaha festeggia la doppietta di Alex Lowes e Michael van der Mark in gara-2 della Superbike a Brno
La Yamaha festeggia la doppietta di Alex Lowes e Michael van der Mark in gara-2 della Superbike a Brno (Pirelli)

BRNO – Oggi il cielo sopra il circuito di Brno, che ha ospitato nel corso del fine settimana il settimo round del campionato mondiale Superbike, si è tinto del blu Yamaha. La casa di Iwata ha infatti realizzato una doppietta in gara-2 della classe Superbike con Alex Lowes e Michael Van Der Mark e si è aggiudicata sia la classe Supersport 600 con il francese Jules Cluzel che la categoria Supersport 300 con il giovane pilota indonesiano Galang Hendra Pratama. Dopo la doppietta realizzata da Michael Van Der Mark nel precedente round di Donington Park, l’azienda dei tre diapason conferma così di essere sempre più competitiva anche nella classe regina e di voler giocare un ruolo da protagonista nel campionato di quest’anno, inserendosi di fatto come terzo contendente nella battaglia per il titolo tra Ducati e Kawasaki. Grazie al successo di Alex Lowes, il primo per lui nel campionato per derivate dalla serie, e al secondo posto di Van Der Mark, Yamaha accorcia le distanze nella classifica del campionato costruttori ma soprattutto porta Van Der Mark al terzo posto nella classifica piloti alle spalle di Rea e Davies e davanti a Sykes e Melandri.

La cronaca di gara
In gara-2 il pilota della casa dei tre diapason Michael Van Der Mark parte dalla pole position, alla sua destra il compagno di squadra Alex Lowes e, in terza casella, Eugene Laverty (Aprilia). Van Der Mark parte bene ma alla fine dell’ultimo giro viene superato prima da Lowes e poi da Marco Melandri (Ducati), quest’ultimo autore di un’ottima partenza dall’ottava casella in griglia. Nel corso del terzo giro Jonathan Rea (Kawasaki), vincitore di gara-1 e quindi in nona posizione al via, scivola, finisce sulla ghiaia ed è costretto al ritiro. Nel corso del quinto giro, la stessa sorte tocca a Marco Melandri, che si trovava in seconda posizione, ma fortunatamente il pilota ravennate riesce a rientrare in corsa in ultima posizione. Alle spalle di Lowes e Van Der Mark conquista così la terza posizione Chaz Davies (Ducati). Al sesto giro è la volta di Tom Sykes (Kawasaki) che, in quinta posizione, scivola rovinosamente a terra ma, a differenza del compagno di squadra, riesce a riconquistare la pista. Nel frattempo Eugene Laverty riesce a mantenere la quarta posizione anche se con un distacco notevole dai primi. Alla fine a trionfare, per la prima volta in campionato, sarà il britannico Alex Lowes dopo aver condotto una corsa sempre in testa. Alle spalle il compagno di squadra e vincitore di Donington Park, Michael Van Der Mark, e, sul gradino basso del podio Chaz Davies.