Motori | Moto GP Jerez

Rossi e Vinales a Jerez per la svolta: «Nel 2017 andò male. Ma stavolta...»

Un anno fa quella spagnola fu una delle gare più complicate per la Yamaha. Ma la nuova moto sembra aver risolto qualche problema e ora i piloti sono ottimisti

Valentino Rossi in pista con la Yamaha
Valentino Rossi in pista con la Yamaha (Michelin)

JEREZ DE LA FRONTERA – Valentino Rossi giunge a Jerez in cerca di riscatto. Il pilota italiano della Yamaha, dopo un deludente avvio di stagione con un unico podio conquistato all'esordio in Qatar, si aspetta dal Gran Premio di Spagna una inversione di rotta. «Sono felice di tornare in Europa – esclama il Dottore – Le prime gare della stagione non sono andate molto bene, ma abbiamo provato delle soluzioni positive. La nostra M1 sta migliorando e ora arriviamo a Jerez, una pista molto importante per capire il nostro potenziale. L'anno scorso abbiamo faticato molto, ma quest'anno penso che possiamo andare meglio». Quella andalusa, l'anno passato, è stata del resto una delle piste più ostiche per la casa dei Diapason, che ha faticato a trovare l'aderenza per tutto il weekend di gara. Ma nell'edizione precedente, invece, fu proprio il fenomeno di Tavullia a dominare la corsa qui: «È un circuito che mi piace molto, ho disputato delle belle gare qui e sarei felice di tornare sul podio – afferma infatti il nove volte iridato – Insieme, io e il mio team, lavoreremo sodo per trovare il miglior assetto e capire il comportamento della moto con il nuovo asfalto. Lunedì ci aspetta anche un test molto importante. Vogliamo migliorare e lottare per questo campionato».

Vinales in crescita
Rispetto al modello 2017, in effetti, la moto giapponese sembra essere notevolmente migliorata. Lo dimostra il fatto che, se Vale ha qualche punto da recuperare in classifica, il suo compagno di squadra Maverick Vinales potrebbe invece balzare in testa al campionato con un'eventuale vittoria: «Dopo il podio di Austin posso dire di essere abbastanza contento, la nostra mentalità è cambiata molto nelle ultime gare – sostiene Top Gun – Ora siamo concentrati sul prossimo appuntamento a Jerez, siamo molto motivati e ottimisti, e questo è positivo per ritrovare il feeling che avevamo lo scorso anno all'inizio della stagione. Nel 2017 questa fu una gara difficile per me: feci grande fatica perché avevamo problemi con la gomma anteriore, ma ora abbiamo raccolto più informazioni per rafforzarci ancora di più rispetto alle scorse settimane, quindi lavoreremo sodo durante questo GP per risalire di nuovo sul podio. Il nuovo asfalto del circuito ha molta aderenza, quindi sono abbastanza ottimista. Non vedo l'ora di essere a Jerez, uno dei miei GP di casa in Spagna, e una pista che mi piace molto, mi diverto a correrci. Punteremo alla vittoria e spingeremo al massimo, il sostegno dei tifosi mi aiuterà a fare il resto».

(da fonte Askanews)