Motori | Superbike

Ducati all'attacco: Melandri tallona l'idolo di casa Van der Mark

Subito un secondo posto per Marco nella prima giornata di prove libere in Olanda. Terzo il sorprendente giovane dello Junior Team della Rossa, Rinaldi

Marco Melandri in sella alla Ducati nelle prove libere della Superbike ad Assen
Marco Melandri in sella alla Ducati nelle prove libere della Superbike ad Assen (Superbike)

ASSEN – Il team Ducati è tornato in pista ad Assen (Paesi Bassi) per il quarto round del campionato mondiale Superbike 2018. Nelle libere del venerdì, Marco Melandri si è messo in evidenza siglando il secondo miglior tempo provvisorio, alle spalle solo dell'idolo di casa Michael van der Mark su Yamaha, in virtù di un 1:35.399, fermandosi a soli 0.243 secondi dalla vetta e gettando solide basi per le qualifiche e la gara di domani. «È stato un buon inizio, sia per me che per la squadra – spiega Macio – Abbiamo impostato il lavoro per migliorare la stabilità in rettilineo. Al venerdì spesso non sembra un problema ma, se faccio un'uscita più lunga, come nella terza sessione di prove libere dove abbiamo fatto una decina di giri di fila, il movimento si fa più marcato. Speriamo che non sia questo il caso domani. Se non altro, con queste temperature dovrebbe essere più facile gestire le gomme nell'arco della gara».

Insegue Davies
Leggermente più attardato Chaz Davies, che ha comunque migliorato i propri riferimenti di circa otto decimi nell'arco della giornata per chiudere ottavo (a 626 millesimi) all'interno di una classifica particolarmente corta con ben dodici piloti racchiusi in un secondo. «Abbiamo lavorato metodicamente per migliorare l'assetto ma stiamo ancora cercando un passo avanti più marcato, dal momento che ci mancano alcuni decimi – racconta il gallese – In particolare, dobbiamo migliorare l'inserimento in curva e l'aderenza sulla spalla degli pneumatici, che ci penalizza in accelerazione in alcuni tratti della pista. Abbiamo fatto un cambiamento radicale tra secondo e terzo turno, e per certi versi ha funzionato, quindi dobbiamo semplicemente mettere insieme tutti i tasselli del puzzle per la quarta sessione di prove libere».

Sorprende il debuttante
Michael Ruben Rinaldi si è invece confermato il più veloce tra i piloti indipendenti con i colori dello Junior Team, siglando un impressionante terzo tempo provvisorio a soli 119 millesimi da Melandri. Tutti e tre i piloti hanno guadagnato l'accesso diretto alla Superpole 2. «Sono soddisfatto – afferma il debuttante – Abbiamo imparato tanto ad Aragon, ed abbiamo pianificato meglio i turni. Cerchiamo di lavorare senza sprecare energie, sfruttando ogni singolo giro. Oggi abbiamo trovato un buon assetto e poi ho spinto al massimo nella terza sessione chiudendo terzo. Vogliamo continuare così». Il Mondiale Superbike tornerà in pista sabato 21 aprile alle 8:45 per la quarta ed ultima sessione di prove libere in vista di Superpole e gara-1, con partenza fissata per le ore 13.