Motori | Test MotoGP

Lo squadrone Ducati mette già paura alla Honda

Dietro al leader Dani Pedrosa ci sono quattro Desmosedici, quelle ufficiali di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo e quelle satellite di Danilo Petrucci e Jack Miller

Andrea Dovizioso in sella alla Ducati nei test di Sepang
Andrea Dovizioso in sella alla Ducati nei test di Sepang (MotoGP)

SEPANG – Quattro Ducati nelle prime cinque posizioni nella prima giornata di test ufficiali, in programma dal 28 al 30 gennaio sul circuito malese di Sepang. Le condizioni dell’asfalto, bagnato dalla pioggia della notte fino al primo pomeriggio, ha ridotto significativamente il tempo utile in pista per i piloti della MotoGP. Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo hanno comunque potuto sfruttare al meglio il pomeriggio per svolgere prove comparative tra le versioni 2018 e 2017 della Desmosedici GP. Verso la fine del turno entrambi i piloti ufficiali Ducati hanno montato una gomma morbida posteriore sulla GP18 e fatto segnare i loro migliori tempi.

Le due Rosse ufficiali
Andrea Dovizioso ha chiuso la giornata al secondo posto in 1:59.770: «Sono molto soddisfatto della prima giornata di test e del mio feeling con la Desmosedici GP18: la nuova moto mi ha dato delle buone sensazioni, soprattutto quando lascio i freni e la inserisco in curva – spiega Desmodovi – È ancora presto per dare dei giudizi definitivi, ma sono contento di come abbiamo iniziato questo test. Speriamo che il meteo dei prossimi giorni ci consenta di portare avanti il piano di lavoro e le prove comparative che abbiamo programmato». Jorge Lorenzo ha terminato il turno in terza posizione con il crono di 1:59.802: «La nuova moto mi ha subito trasmesso un buon feeling e il nostro primo test del 2018 è iniziato in modo positivo – conferma Por Fuera – La GP18 è decisamente più vicina al mio stile di guida e gira meglio con il gas a centro curva e, per essere il primo giorno di test su un circuito particolare come Sepang, abbiamo fatto segnare davvero un gran tempo. Vedere quattro Ducati nei primi cinque posti è sicuramente un altro segnale positivo e ho la sensazione che siamo sulla strada giusta, anche se naturalmente dobbiamo ancora migliorare alcuni aspetti».

Seguono i satellite
I primi test invernali della stagione 2018 di MotoGP iniziano alla grande anche per il team satellite Pramac. Sul circuito di Sepang, infatti, Danilo Petrucci e Jack Miller chiudono rispettivamente in quarta e quinta posizione. Petrux ha compiuto qualche giro sulla Ducati Desmosedici GP 2017 per poi salire sulla versione 2018 dopo lo shakedown effettuato da Michele Pirro. Petrux ha avuto subito un grande feeling girando con tempi interessanti e nel time attack di fine sessione ha ottenuto il tempo di 2:00.123 che vale la quarta posizione: «Devo dire di essere molto contento per aver iniziato così. C’è sempre un po’ di pressione il primo giorno e dopo due mesi senza andare in moto questo è un bel risultato. La moto nuova mi piace molto, è istintiva e posso spingere di più in molte parti del circuito. Non c’è un punto dove la moto è nettamente migliore o peggiore ma rende tutto molto più facile. L’erogazione è molto fluida e questo mi permette di seguire il mio istinto». Un fantastico inizio anche per Jack Miller. Il pilota australiano ha confermato di sentirsi a suo agio sulla Ducati Desmosedici GP17 e giro dopo giro il suo feeling è aumentato in modo evidente. I tempi con la gomma media usata erano già buoni poi sul time attack con la morbida ha centrato il quinto posto a soli 55 millesimi dal compagno di squadra: «Abbiamo lavorato molto sul passo gara, pensando anche ai dettagli, passo dopo passo. Abbiamo provato anche gomme differenti e mi sono sentito a mio agio con tutte le soluzioni. Il tempo con la gomma media era già molto positivo poi alla fine della sessione sono riuscito a migliorare ulteriormente con la morbida. Il feeling è davvero positivo. Anche se è solo la prima giornata di test posso dire di essere moto soddisfatto».