Formula 1

Kubica si prepara a un altro test per convincere la Williams

Il polacco salirà di nuovo in macchina dopo il GP di Abu Dhabi, con l'obiettivo di persuadere il team inglese che deve ancora nominare il pilota che sostituirà il pensionando Massa

Robert Kubica nel paddock
Robert Kubica nel paddock (ANSA)

SAN PAOLO – È il sedile più ambìto, l'unico di alto livello ancora da assegnare in Formula 1, dunque l'oggetto del desiderio di tutti i piloti attualmente a piedi. Ma la Williams non è ancora pronta a fare il nome di chi occuperà il suo secondo volante a fianco del riconfermato Lance Stroll. «È molto improbabile che prenderemo una decisione a breve termine – ha messo in chiaro il boss Paddy Lowe – Abbiamo una serie di opzioni diverse e ci prenderemo il nostro tempo per scegliere: vi faremo sapere quando avremo una risposta». Secondo il quotidiano svizzero Blick, i favoriti per sostituire il pensionando Felipe Massa sarebbero l'aspirante rientrante Robert Kubica e Daniil Kvyat, cacciato dalla Toro Rosso, che porta in dote importanti sponsor russi. Ma resta viva anche la pista che porta a Pascal Wehrlein: «Pascal è ancora in corsa», ha ammesso Lowe alla rivista tedesca Auto Bild.

Prova ancora
Il nome di più alto profilo, sia come talento che come popolarità, è però senz'altro quello di Kubica. Ma sul 32enne polacco aleggia sempre lo stesso dubbio: a sei anni dal terribile incidente durante un rally che gli ha lesionato permanentemente una delle due braccia, le sue condizioni fisiche saranno sufficienti a permettergli un rientro a tempo pieno nel Mondiale? Robert ha provato a dimostrarlo quest'anno disputando numerosi test prima con la Renault, poi con la stessa Williams. Eppure, evidentemente, la scuderia inglese non è ancora convinta, tanto che sta organizzando un altro collaudo: «Quasi certamente – ha rivelato Lowe a Sky Germania – gli daremo una chance di salire in macchina durante uno dei due giorni di test ad Abu Dhabi (il 28 e 29 novembre prossimi, dopo il Gran Premio conclusivo della stagione, ndr). L'argomento sta ottenendo molta attenzione da parte della stampa e dei tifosi, ma ci stiamo lavorando all'interno del team e non vogliamo dire nulla di più al momento».