MotoGP | Gran Premio del Giappone

Dovizioso lancia la sfida a Marquez: sull'acqua svetta lui

La Ducati stacca il miglior tempo nella prima giornata di prove libere bagnate a Motegi, proprio in casa della rivale Honda dello spagnolo: «Sono molto contento, siamo partiti subito forte». Il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo, invece, viene steso da Cal Crutchlow nel turno della mattina

Andrea Dovizioso in sella alla Ducati sulla pista bagnata di Motegi
Andrea Dovizioso in sella alla Ducati sulla pista bagnata di Motegi (MotoGP)

MOTEGI – È iniziato bene il weekend di Motegi per i due piloti della Ducati. Al termine della prima giornata di prove, disputata sotto una pioggia battente e con una temperatura dell’aria di 15°C, Andrea Dovizioso ha infatti ottenuto il miglior tempo, con il crono di 1:54.877 fatto segnare all’inizio del secondo turno. «Sono molto contento del mio venerdì qui a Motegi perché siamo partiti subito veloci – commenta Desmodovi – Avevamo qualche dubbio sull'aderenza, ma ho trovato un buon feeling già questa mattina, oggi pomeriggio ho confermato la mia velocità e, cosa ancora più importante, ho fatto il mio miglior tempo subito, all’inizio del turno. Abbiamo iniziato davvero molto bene e abbiamo già una buona base: ora dobbiamo lavorare ancora sulle rifiniture perché il degrado della gomma posteriore, nonostante abbiamo usato la più dura a disposizione, è comunque molto importante».

Lorenzo centrato
Il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo si è classificato al quarto posto in 1:55.234. Questa mattina il pilota spagnolo era stato protagonista di una spettacolare caduta, per fortuna senza gravi conseguenze fisiche, quando era stato colpito violentemente dalla moto di Cal Crutchlow, scivolato a sua volta in frenata prima della curva 9. «Oggi pioveva davvero tanto e la pista era in condizioni molto difficili, ma sono abbastanza soddisfatto perché sono davanti, insieme ai piloti più veloci, ed iniziare così il venerdì è sempre un buon segno – spiega Por Fuera – Nel pomeriggio abbiamo migliorato la moto e ho girato con un buon ritmo. Questa mattina ho avuto fortuna perché, quando la moto di Crutchlow mi ha colpito e sono caduto, mi sarei potuto fare davvero male. Per fortuna alla fine, a parte la botta che ho preso, non ho nulla di grave. Per quanto riguarda domani, se il meteo sarà ancora lo stesso, il mio obiettivo sarà seguire la stessa linea di oggi».