Civ | Vallelunga

Pirro non si ferma: il campione italiano domina anche l'ultima

Il ducatista, conquistata la certezza matematica dello scudetto al penultimo appuntamento del Mugello, trionfa anche sia nella prima che nella seconda gara della tappa conclusiva nella classe Superbike del campionato italiano di velocità, con tanto di giro record della pista romana

Michele Pirro in azione sulla Ducati del team Barni a Vallelunga
Michele Pirro in azione sulla Ducati del team Barni a Vallelunga (Agenzia Bonora/Diario Motori)

CAMPAGNANO DI ROMA – Presso l’autodromo Piero Taruffi di Vallelunga si è disputato nel fine settimana appena trascorso il sesto ed ultimo round del Civ, campionato italiano di velocità. Nella classe maggiore, la Superbike, Michele Pirro, che si era assicurato il titolo di campione italiano nel precedente round del Mugello, si è aggiudicato entrambe le gare. Sabato il pilota del Barni Racing Team ha migliorato il giro record della pista romana (1:36.328) ed ha preceduto Matteo Baiocco (Nuova M2 Racing) e Matteo Ferrari (Dmr Racing). Un podio che si è ripetuto anche nella giornata di domenica e che ha visto chiudere al quarto posto l’autore della pole position Alessandro Andreozzi (Team Speed Action by Andreozzi Rc). Nella classifica del campionato, dietro a Pirro troviamo Lorenzo Zanetti (Motocorsa Racing team) al secondo posto e Matteo Baiocco al terzo.

Le altre classi
Le due gare della Supersport 600 sono state decisive per l’assegnazione del titolo di campione italiano 2017. A conquistarlo è stato Davide Stirpe (Extreme Racing Service) autore di una doppietta. Sabato ha vinto precedendo Nicola Jr Morrentino (Renzi Corse) e Marco Malone (Gas Racing Team). Nella gara di domenica, Davide Stirpe e Ilario Dionisi (team Ellan Vannin) si sono presentati al via appaiati in testa alla classifica. In una gara combattutissima ha vinto ancora Davide Stirpe proprio davanti a Ilario Dionisi, mentre Marco Malone ha confermato la terza posizione della gara precedente. In Supersport 300 la prima gara è stata vinta da Kevin Sabatucci (team Pro GP) che ha avuto la meglio su Luca Bernardi (Motoclub San Marino), che si era aggiudicato il titolo due settimane prima al Mugello, e Marco Carusi (GP Project team). Marco Carusi si è rifatto il giorno successivo andando a vincere davanti a Paolo Grassia (Moto Club Spoleto) e a Nicodemo Matturro (Ag MotorSport It). Vincendo la gara di domenica Remo Castellarin (Bmw) si è aggiudicato il National Trophy 1000: al secondo posto si è classificato Michel Fabrizio (Bmw) ed al terzo Alessio Velini (Bmw). Nel National Trophy 600 nonostante avesse già in tasca il titolo conquistato nel precedente round del Mugello, Michele Magnoni (Kawasaki) ha tagliato per primo il traguardo precedendo Mitija Emili (Motoclub Trieste) e Gennaro Romano (Motoclub Piccole Pesti).

Il campione italiano Pirro nel suo box
Il campione italiano Pirro nel suo box (Agenzia Bonora/Diario Motori)