Formula 1 | Gran Premio di Singapore

Red Bull e Ferrari già davanti, Mercedes indietro

Le Lattine e le Rosse confermano di essere le favorite sul circuito cittadino di Marina Bay dominando la prima sessione di prove libere (in testa Daniel Ricciardo, staccati di un decimo Sebastian Vettel e Max Verstappen). Le Frecce d'argento arrancano: quarto Lewis Hamilton, sesto Valtteri Bottas

SINGAPORE – Red Bull e Ferrari: le due favorite, sulla carta, per il Gran Premio di Singapore confermano la competitività delle loro vetture sulla stretta e tortuosa pista cittadina di Marina Bay anche alla prova del cronometro. Nella prima sessione di libere è Daniel Ricciardo a girare più veloce di tutti (1:42.489), con un decimo di vantaggio su Sebastian Vettel e sul suo compagno di squadra Max Verstappen, tutti con le più performanti gomme ultrasoft.

Frecce spuntate
Ma la vera buona notizia per il Cavallino rampante è che la Mercedes, come previsto, è costretta a inseguire. Le due Frecce d'argento avevano comandato provvisoriamente la classifica a inizio turno con gli pneumatici supersoft, ma poi sono state scavalcate fino a chiudere quarta (con Lewis Hamilton, a quattro decimo) e sesta (con Valtteri Bottas, addirittura a nove decimi e dietro alla Force India di Sergio Perez). Le monoposto tedesche sono apparse in particolare difficoltà tra le curve della città-stato asiatica: il finlandese ha infatti lamentato mancanza di aderenza al posteriore mentre l'anglo-caraibico è stato anche protagonista di un'uscita di pista nella lenta curva a destra numero 14.

Gli altri
Peggio di loro ha fatto l'altro ferrarista Kimi Raikkonen, settimo a 1.2 secondi dalla vetta. Buone notizie invece arrivano dalla McLaren di Fernando Alonso, che con l'ottava posizione di stamattina sembra in grado finalmente di affacciarsi nelle prime posizioni. Ha girato in questo turno anche il nostro Antonio Giovinazzi, sulla Haas, chiudendo sedicesimo ma a soli tre decimi dal titolare del team Romain Grosjean. La Formula 1 torna in pista oggi pomeriggio alle 14:30 ora italiana (le 20:30 locali) per la seconda sessione.