Il campionato europeo di Formula 3 ha fatto tappa in Ungheria

Un altro weekend di grandi rimonte per Mick Schumacher: alla fine arriva un podio

Il figlio del grande Michael è costretto a recuperare su un circuito ostico per i sorpassi come quello dell'Hungaroring, ma alla fine riesce a conquistare la top-3 nella classifica riservata ai debuttanti. Per la prima volta ci sale anche Guan Yu Zhou, l'allievo cinese della Ferrari Driver Academy

Mick Schumacher sul podio dei debuttanti a Budapest
Mick Schumacher sul podio dei debuttanti a Budapest (F3)

BUDAPEST – Alla domenica ricca di trofei per il team vicentino Prema all’Hungaroring, nel quarto appuntamento del campionato europeo di Formula 3 ha contribuito anche Mick Schumacher. Al via rispettivamente dalla sesta e dalla settima fila, il figlio del grande Michael ha recuperato posizioni sia in gara-2 che in gara-3 incamerando anche un podio tra i rookie. «La giornata di oggi è stata abbastanza difficile dato che la performance non era al 100 per cento presente e ci mancava qualcosa rispetto ai migliori in gara-2 e agli altri piloti in gara-3 – spiega Schumi Jr – Le due corse non sono state molto entusiasmanti dato che non c’erano molte possibilità di sorpasso a meno di errori da parte degli avversari che alla fine non sono arrivati. In gara-3 ho chiuso undicesimo, fuori dai punti, ma sono sicuro che ci muoveremo nella giusta direzione per il prossimo appuntamento». Per lui il prossimo weekend di gara sarà proprio quello di casa al Norisring.

Sul podio anche il ferrarista cinese
In gara-2, Callum Ilott ha conquistato una perentoria affermazione dominando dalla pole position e controllando dall’inizio alla fine. Nel pomeriggio, ha poi completato la giornata con un secondo posto che gli ha consentito di massimizzare i suoi risultati al termine di un fine settimana estremamente positivo. «In gara-2 la partenza è stata buona anche se non ho avuto l’avvio che mi aspettavo e Joel mi ha messo sotto pressione – commenta Ilott – Ho comunque trovato un po’ di slancio e da quel punto in avanti ho gestito le gomme costruendo un buon margine. Sono riuscito anche a spingere dato che abbiamo incontrato meno degrado di quanto pensassimo. In gara-3 abbiamo faticato di più da questo punto di vista. Qui all’Hungaroring è complicato avvicinarsi agli avversari abbastanza per tentare l’attacco e non ci sono state grosse sorprese. La giornata di oggi è stata comunque positiva per il campionato. Sono arrivato qui con l’obiettivo di far punti, e ci sono riuscito». Ha festeggiato sul podio anche Guan Yu Zhou per la prima volta quest'anno. Il diciottenne di Shanghai, portacolori della Ferrari Driver Academy, ha chiuso rispettivamente terzo e quarto su un tracciato che già lo scorso anno lo aveva visto tra i protagonisti. «In gara-2 sono partito bene balzando davanti a Norris, e nei primi giri ho provato ad attaccare Eriksson ma qui riuscire a passare è veramente difficile – dichiara il cinese – Così ho cercato di conservare le gomme e ho controllato il mio ritmo, spingendo principalmente nel terzo settore per impedire a Hughes di superarmi in rettilineo. In gara-3 ho avuto un altro buon avvio e mi sono portato dietro a Callum. Non c’erano grosse possibilità di attacco così ho mantenuto la posizione. Tenere dietro Lando si è rivelato molto difficile dato che era aggressivo e veloce. Abbiamo comunque recuperato punti importanti oggi. La prossima gara segnerà il giro di boa del campionato e sono sicuro che ci saranno altre possibilità di ben figurare».

Schumi Jr in azione nell'appuntamento dell'Hungaroring
Schumi Jr in azione nell'appuntamento dell'Hungaroring (F3)