28 giugno 2017
Aggiornato 15:30
A tifare per lui anche l'infortunato Chaz Davies

Marco Melandri è tornato: davanti al suo pubblico la prima vittoria con Ducati

Proprio nella gara-2 di Misano Adriatico il pilota ravennate si prende il suo ventesimo successo in Superbike, il centesimo per un nostro portacolori. Una giornata memorabile per il motociclismo nostrano: «Un trionfo pieno di significati e frutto di tanto impegno: non abbiamo mai smesso di crederci»

Marco Melandri esulta con la bandiera italiana per la sua vittoria in gara-2 a Misano
Marco Melandri esulta con la bandiera italiana per la sua vittoria in gara-2 a Misano (Agenzia Bonora/Diario Motori)

MISANO ADRIATICO – Dopo un sabato difficile, il team Ducati si è riscattato in gara-2 a Misano Adriatico con un splendido trionfo di Marco Melandri. Il ravennate, scivolato il giorno precedente a poche curve dal traguardo in piena lotta per la vittoria, ha condotto una rimonta esemplare dalla decima posizione in griglia centrando il suo primo successo con la Panigale R e ventesimo in carriera nel campionato mondiale Superbike. «È stata una vittoria piena di significati, perché era la mia prima con Ducati, la mia prima in Italia, e la centesima di un pilota italiano in Sbk – esulta Macio – È il frutto di tanto impegno, calma nei momenti difficili, ed un grande lavoro di squadra. Non abbiamo mai smesso di crederci, e questo risultato ci ripaga degli sforzi. Abbiamo fatto una piccola modifica questa mattina, e prima della partenza ero sicuro di potermela giocare. In gara ho cercato di gestire il mio ritmo e, una volta preso il comando, guidare pulito senza strafare. Spero che Chaz si rimetta in fretta, la sua è stata una brutta caduta ma fortunatamente senza gravi conseguenze. Spero di giocarmi un’altra vittoria con anche lui in pista già a Laguna Seca».

Il compagno al suo fianco
Cento vittorie italiane nella storia della Sbk nel giorno in cui Misano festeggia le cinquanta gare del Mondiale sulla sua pista. La vittoria di Marco Melandri in gara-2 del campionato delle derivate di serie suggella una fantastica domenica che riporta la Rossa sul gradino alto del podio. In circuito, a festeggiare, Chaz Davies dopo la rocambolesca caduta di ieri e due grandi ducatisti come Troy Bayliss e Troy Corser. Impossibilitato a correre a causa della frattura del processo trasverso della vertebra L3 ed una contusione al pollice sinistro, riportate ieri, Davies ha seguito la gara dai box dopo aver passato la notte in ospedale in via precauzionale. Il gallese osserverà ora un periodo di riposo con l’obiettivo di tornare in pista per l’ottavo round della stagione, in programma a Laguna Seca dal 7 al 9 luglio. «Non è mai ideale essere in pista senza poter correre, ma era importante essere qui a fare il tifo oggi e onestamente sono felice perché la caduta poteva avere conseguenze peggiori – spiega Chaz – Non sono al massimo della condizione, nei prossimi giorni ci concentreremo sul recupero. Domani farò una visita da uno specialista e poi faremo un piano sulla base delle sue raccomandazioni. L’obiettivo è correre a Laguna Seca».

Trionfo italiano
Dopo sette round, Davies e Melandri sono rispettivamente terzo (185 punti) e quarto (163 punti) in campionato. «Dopo un sabato terribile, era importante ritornare immediatamente sulla giusta rotta – commenta il team principal Stefano Cecconi – Oggi abbiamo concretizzato un potenziale già evidente da ieri. La vittoria di Marco poi ha un’importanza particolare, perché è la sua prima con la squadra e riporta un pilota italiano su moto italiana in cima al podio dopo tanto tempo. È stato molto bello anche avere Chaz con noi ai box, seppur dolorante, e gli facciamo i nostri migliori auguri di pronta guarigione, per tornare ad emozionarci con entrambi i nostri piloti a Laguna Seca».

La partenza della seconda manche del Mondiale Superbike sul circuito romagnolo
La partenza della seconda manche del Mondiale Superbike sul circuito romagnolo (Agenzia Bonora/Diario Motori)