Marc Marquez secondo, Valentino Rossi ottavo, Maverick Vinales decimo

Nelle prove libere di Le Mans protagonista l'acqua... e i big annaspano

Il freddo e il cielo coperto non hanno consentito alla pista di asciugarsi in tempo dopo gli acquazzoni di ieri e così gran parte della prima sessione si svolge con l'asfalto umido. Solo sul finale qualcuno azzarda le gomme da bagnato: ne approfitta Jack Miller per conquistare la testa

L'asfalto bagnato di Le Mans
L'asfalto bagnato di Le Mans (Michelin)

LE MANS – È la pioggia la grande protagonista della mattinata di venerdì a Le Mans. Quella pioggia caduta in abbondanza ieri e che, complice il meteo freddo e prevalentemente coperto, non ha avuto il tempo di evaporare dall'asfalto. Così la prima sessione di prove libere del Gran Premio di Francia si è svolta su una pista in via di asciugatura, con i tempi che sono gradualmente migliorati di pari passo con le condizioni. Sul finale i piloti hanno azzardato le gomme slick e ad approfittarne è stato Jack Miller, staccando un crono (1:37.467) migliore di oltre un secondo rispetto a quello dell'altra Honda, ma ufficiale, di Marc Marquez. La migliore delle Yamaha è quella satellite del padrone di casa Johann Zarco, a 1.7 secondi, davanti all'altra moto di Tokyo guidata da Cal Crutchlow. Quinto e sesto posto per le Ducati private dell'altro idolo locale Loris Baz e di Karel Abraham, mentre a sorpresa si piazza settima la Ktm di Bradley Smith. Gli altri big sono invece tutti a inseguire: Valentino Rossi, dopo aver trascorso nelle retrovie gran parte della sessione, ha migliorato proprio nei minuti conclusivi risalendo fino all'ottava posizione. Maverick Vinales è solo decimo, il vincitore dell'ultimo GP di Jerez Dani Pedrosa tredicesimo, e i due ducatisti ufficiali Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo quattordicesimo e sedicesimo, quest'ultimo anche per via di un tempo cancellato per aver tagliato la pista all'ultima curva. Le prove riprendono oggi pomeriggio alle 14:05, quando sono previsti ulteriori scrosci di pioggia.