Gioia per i tifosi locali nella tappa italiana del Mondiale Superbike

Ducati, in casa non ti batte nessuno: Chaz Davies fa doppietta, stavolta in rimonta

Quarto successo consecutivo per il ducatista gallese sul circuito casalingo della Rossa, quello di Imola. Partito quarto per l'inversione della griglia prevista dal regolamento, ha riagguantato e poi superato il pilota della Kawasaki Tom Sykes, completando un weekend perfetto

Chaz Davies davanti a Tom Sykes in gara-2 a Imola
Chaz Davies davanti a Tom Sykes in gara-2 a Imola (Agenzia Bonora/Diario Motori)

IMOLA – Dopo aver vinto gara-1 per distacco, Chaz Davies ha fatto il bis ad Imola regalando al team Ducati il quarto successo consecutivo nella gara di casa del campionato mondiale Superbike. Partito dalla pole al sabato, questa volta il gallese è stato costretto a rimontare dalla nona posizione in griglia in virtù del nuovo regolamento per gara-2. Protagonista di un ottimo scatto alla ripartenza (in precedenza, le bandiere rosse avevano interrotto la gara dopo soli due giri) Davies si è portato immediatamente in sesta posizione, per poi ricucire progressivamente il distacco dal leader Tom Sykes, guadagnare la vetta nel corso dell’ottavo giro, e prendere margine fino a tagliare il traguardo con circa quattro secondi di vantaggio. «Che weekend! – esulta Chaz – Per la prima volta quest’anno, siamo stati il punto di riferimento fin dall’inizio. Siamo riusciti a trovare il nostro ritmo già dal venerdì, e da lì è stato tutto più semplice. La squadra ha fatto un grande lavoro, la moto ha funzionato alla perfezione in entrambe le gare, in condizioni diverse, ma oggi non si poteva dare nulla per scontato. Alla prima partenza siamo rimasti bloccati nel traffico, mentre dopo le bandiere rosse ho trovato un buono spunto e sono riuscito a fare le mosse giuste e portarmi in una buona posizione. Il passo di Sykes era molto veloce, ed ho dovuto mettercela tutta per andare a prenderlo. Dopodiché, ho cercato semplicemente di fare il mio ritmo, ed è bastato. Grazie a tutti i tifosi italiani per essere venuti a sostenerci qui, ci hanno dato una spinta speciale».

Melandri manca il podio bis
Melandri, terzo ieri, ha invece faticato più del previsto a causa di problemi in fase di accelerazione e ingresso di curva. Dopo una buona partenza che lo aveva visto prendere la terza posizione, il ravennate ha suo malgrado commesso un paio di errori che gli hanno fatto perdere il contatto con il gruppo di testa, per poi chiudere in quinta posizione. «È stata una giornata difficile per noi, non possiamo essere soddisfatti perché il risultato ottenuto è lontano dal nostro potenziale – ammette Macio – Ieri siamo comunque riusciti a salire sul podio, ma avevamo già dei problemi in accelerazione e purtroppo non siamo riusciti a risolverli. La ruota perdeva contatto dal terreno nei cambi di marcia, e questo ci ha penalizzato molto in uscita dalle curve lente. Inoltre non avevo fiducia a sufficienza in inserimento di curva per provare a passare Forés. Ringrazio comunque i tifosi per il loro supporto, è stato incredibile e mi ha reso molto orgoglioso di rappresentare la bandiera italiana con una moto italiana. Ci rifaremo a Donington». Dopo cinque round, Davies (161 punti) e Melandri (124 punti) sono rispettivamente secondo e quarto in campionato. Il team Ducati tornerà in pista a Donington (Regno Unito) per il sesto round del campionato mondiale Superbike 2017, in programma dal 26 al 28 maggio. «Imola ci ha regalato di nuovo un weekend molto emozionante – conclude il responsabile del progetto Superbike Ernesto Marinelli – Chaz ha eseguito due gare perfette, che dedichiamo a tutti i ducatisti che sono accorsi qui in circuito e che ci hanno sostenuto con enorme passione, e a tutti i ragazzi a casa che con il loro lavoro hanno dato modo a Chaz ed al team di concludere al meglio. Vincere qui a Imola è sempre incredibile. Purtroppo qualche problema di messa a punto ha impedito a Marco di salire sul podio anche in gara-2, ma il lavoro continua senza tregua e sono sicuro che i risultati arriveranno presto».

Le due Ducati di Davies e Melandri alla partenza
Le due Ducati di Davies e Melandri alla partenza (Agenzia Bonora/Diario Motori)