La Rossa manca il successo in Olanda

Ancora Ducati sul podio con Chaz Davies. Ma le Kawasaki sono lontane

Il gallese centra la terza posizione in gara-1 ad Assen ma, a differenza della prima manche, non riesce a lottare per la vittoria: così le Verdone fanno doppietta con Jonathan Rea e Tom Sykes. Marco Melandri cade cercando la rimonta

Chaz Davies festeggia il terzo posto ad Assen
Chaz Davies festeggia il terzo posto ad Assen (Ducati)

ASSEN – Il team Ducati è salito nuovamente sul podio in gara-2 del campionato mondiale Superbike 2017 ad Assen (Paesi Bassi) con Chaz Davies, terzo sotto la bandiera a scacchi. Marco Melandri è invece stato costretto ad abbandonare la gara nel corso del nono giro a causa di una scivolata alla curva 5 quando si trovava in settima posizione. Partiti rispettivamente dalla decima e settima posizione, Davies e Melandri hanno lottato nel traffico nei primi giri per risalire progressivamente la classifica, portandosi ai margini della top five. Pur senza riuscire a replicare il passo che gli aveva consentito di essere protagonista in gara-1 a causa anche del forte vento, Davies è comunque riuscito a staccarsi dal gruppo degli inseguitori e portarsi in terza posizione, conseguita nel corso dell’ottavo passaggio e poi difesa fino alla bandiera a scacchi. «È stato divertente fare tutti quei sorpassi e risalire nel traffico, ma onestamente non è stato facile oggi in gara – commenta il ducatista gallese – Non avevamo un feeling ottimale come quello di gara-1 e del warm up. Ci è mancata aderenza sull’anteriore ed eravamo un po’ sulle uova negli ultimi dieci giri. Dobbiamo capire il perché, se si sia trattato dell’assetto o del forte vento, ma era comunque importante non cadere e portare a casa punti perché ho capito abbastanza in fretta che il terzo posto era il miglior risultato possibile oggi. Detto questo, il nostro obiettivo è di vincere ogni volta che ne abbiamo la possibilità, e speriamo di farlo di nuovo a partire da Imola, che è un posto speciale per me e per Ducati».

Melandri out
Melandri è invece scivolato nel tentativo di tenere il contatto con il podio virtuale. L’italiano, che non ha riportato conseguenze fisiche, non è poi riuscito a riprendere la corsa. «Le condizioni oggi erano difficili, il vento era davvero forte – ammette Macio – A causa di questo ho fatto un errore alla curva 11 al sesto giro, finendo sull’erba, e sono stato passato da quattro piloti. Poi però stavo risalendo bene. È un peccato per la caduta, perché penso che avrei potuto lottare con Van der Mark dal momento che la nostra moto era più competitiva di ieri, anche se si muoveva ancora tanto. Purtroppo ho sempre sofferto questo tipo di problema qui, forse perché sono molto leggero e non riesco a caricare a sufficienza il posteriore su questo tipo di asfalto. Ora andiamo ad Imola, una pista che mi piace molto e dove sono fiducioso che ci lasceremo alle spalle questi problemi per fare due belle gare». Al termine del quarto round, Davies (111 punti) e Melandri (97 punti) sono rispettivamente terzo e quarto nella classifica iridata. Il team Ducati tornerà in pista per il quinto round del campionato mondiale Superbike, in programma ad Imola dal 12 al 14 maggio. «È stato un fine settimana travagliato, nel quale non abbiamo raccolto risultati in linea con il nostro potenziale – chiosa il team principal Stefano Cecconi – Cercheremo di imparare anche da questo per sistemarci al meglio in vista della gara di casa, che rappresenta un’ulteriore fonte di motivazione, e toglierci grandi soddisfazioni davanti al nostro pubblico».