Battuta d'arresto per l'otto volte iridato a Villa La Angostura

Weekend da dimenticare in Argentina: Tony Cairoli perde il primo posto

Partenze al rallentatore e una doppia caduta sul circuito amico della Patagonia. Così il campione siciliano del team Ktm ha dovuto cedere la tabella rossa al rivale della Honda Gajser: «Ma il campionato è ancora lungo e posso rifarmi»

Tony Cairoli in azione nel Gran Premio d'Argentina
Tony Cairoli in azione nel Gran Premio d'Argentina (Ktm)

NEUQUEN – Sulla spettacolare pista di Villa La Angostura si è disputato il Gran Premio di Argentina, terza prova del Mondiale Motocross MxGP. Con ottime condizioni meteo, dopo la pioggia in Indonesia, e su un fondo piuttosto sabbioso, Tony Cairoli ha affrontato il weekend con fiducia e ottimismo, su un tracciato a lui particolarmente gradito, ma ha raccolto molto meno di quanto si aspettasse. Il pilota del team Red Bull Ktm, dopo un’ottima qualifica del sabato, conclusa in terza posizione, in entrambe le manche della domenica non è riuscito a partire nel gruppo dei primi. In gara-1 dopo la prima curva era intorno alla decima posizione ma nelle concitate fasi del primo giro è incappato in una scivolata in seguito ad un contatto con Paulin (Husqvarna) ed è ripartito praticamente ultimo. Su un tracciato impegnativo per le rimonte, l’otto volte campione del mondo è riuscito giro dopo giro a rimontare fino al nono posto finale, incitato ad ogni passaggio dal fantastico pubblico argentino. Purtroppo anche in gara due Cairoli non è riuscito ad azzeccare una partenza ideale e nel corso del terzo giro mentre era intorno alla decima posizione scivolava e ripartiva da oltre la ventesima posizione. Con gran determinazione e segnando il giro record della manche nel corso del tredicesimo passaggio, Cairoli è riuscito a concludere una spettacolare rimonta fino al quinto posto.

Il campione siciliano in attesa della partenza
Il campione siciliano in attesa della partenza (Ktm)

Partenze sfortunate
«Il weekend è stato molto difficile soprattutto a causa delle partenze, e su una pista non molto selettiva era difficile fare la differenza e rimontare – racconta il campione siciliano – Si doveva prendere qualche rischio per passare e così in rimonta in entrambe le manche sono scivolato ed ho perso diverse posizioni. Da ultimo nella prima manche sono risalito al nono posto, non potevo fare di più. Nella seconda sono caduto dopo tre giri ed ero fuori dai primi venti, così la rimonta fino al quinto posto, e l’ottima velocità, sono le sole cose positive della giornata. Sono molto deluso perché su questa pista avrei potuto cogliere un’altra doppietta. Il campionato comunque è lungo e c’è tempo per rifarsi». Con i ventotto punti guadagnati (settimo posto di giornata) Tony è riuscito quindi a limitare i danni di una giornata sfortunata, ma ha dovuto comunque cedere la tabella rossa allo sloveno Gajser (Honda). Cairoli è ora secondo in classifica provvisoria con dieci punti di distacco da Gajser. Il prossimo GP è in calendario per il 2 aprile a Leon (Messico).