Italia | Congresso nazionale Fratelli d'Italia

Meloni: «Ue progetto fallito, una tirannia. Euro crollerà»

Duro attacco all'Ue da parte della leader di Fdi che ha anche lanciato un monito sulla moneta unica: «Con il suo tracollo travolgerà milioni di persone, creerà milioni di poveri»

TRIESTE - Duro attacco all'Unione europea di Giorgia Meloni dal palco del secondo congresso nazionale di Fratelli d'Italia di Trieste. «Questa Unione europea è un progetto fallito che va chiuso e ricostruito» ha detto Meloni. Serve «una confederazione di Stati liberi e sovrani che si coordino su temi di grande interesse, non una tirannia», ha proseguito la fondatrice di Fdi, che ha aggiunto: «Nell'Europa di oggi l'Italia deve guardare più al gruppo di Visegrad che a Bruxelles». Secondo l'ex ministra della Gioventù Visegrad oggi è il simbolo della «contrapposizione alla degenerazione burocratica dell'Unione europea, in difesa dell'Europa storica».

Il crollo dell'euro
Anche sull'euro Meloni ha una visione critica, «le monete sono degli strumenti a servizio delle persone e non il contrario. E quindi se sono degli strumenti dobbiamo avere il coraggio di interrogarci sul fatto se funzionano o non funzionano». La fondatrice di Fdi ha aggiunto: «L'Euro ha rafforzato la Germania e indebolito tutti gli altri e fare finta che questo problema non esiste non è responsabile», anzi «è molto più irresponsabile fare finta che il problema non esista». Secondo Meloni infatti «è molto probabile» che la moneta unica «crolli» e con il suo tracollo, «se non abbiamo un piano B» travolgerà «milioni di persone, creerà milioni di poveri».