Partito democratico

Renzi: «Altro che Fascistellum. Noi come De Gasperi»

Il segretario del Partito democratico: «Questa legge elettorale prevede i collegi. Dove sia l'elemento fascista dei collegi sfugge»

ROMA -  La fiducia può essere discutibile, ma non è un colpo di stato ed è «assurdo» parlare di fascismo, M5s dovrebbe ricordare che la usò anche Alcide de Gasperi. Lo ha detto Matteo Renzi alla presentazione del libro di Piero Fassino. Renzi commenta l'editoriale di oggi di Ezio Mauro, presente all'iniziativa, che ha definito un «colpo di mano» la fiducia. «Non sono d'accordo col giudizio. Apprezzo che Mauro, a differenza di altre persone, spieghi che è un colpo di mano e non un colpo di Stato. Abbiamo giornali oggi che scrivono che questo è il fascistellum». Aggiunge Renzi: «Abbiamo una torsione verso l'assurdo di commenti che ci descrivono come fotocopia del fascismo. Non so se ci rendiamo conto come la violenza verbale stia inquinando le fonti del dibattito. Questa legge elettorale prevede i collegi, in misura ridotta rispetto al Mattarellum che sarebbe stato molto meglio. Dove sia l'elemento fascista dei collegi sfugge. Diverso è Mauro che dice: non condivido il voto di fiducia. Io non sono d'accordo, la ritengo una possibilità del dibattito parlamentare». Ha concluso Renzi: «Evito di andare a spiegare a Di Battista e Di Maio che Alcide de Gasperi ha utilizzato questo strumento, perché non vorrei che lo confondessero con un dittatore venezuelano... Naturalmente si può discutere dell'opportunità. Io dico che il Rosatellum è un po' meglio del Consultellum».